Samsung Volley Cup – L’Imoco inizia la nuova stagione con un netto 3-0 sulla Pomì

Samsung Volley Cup: Imoco Volley Conegliano riparte come aveva concluso. Netto 3-0 alla Pomì davanti al caloroso pubblico del PalaVerde

Inizia con una rotonda vittoria l’avventura delle campionesse in carica dell’Imoco Volley Conegliano nella nuova stagione 2018-19.
Fin dall’inizio della partita le ragazze di Santarelli hanno imposto il loro gioco e la loro supremazia su una Pomì Casalmaggiore ancora in fase di costruzione. Le pantere, pur lasciando a riposo sia Hill che Sylla, giocano a memoria davanti al solito splendido pubblico del PalaVerde, mentre la Pomì per tre frazioni non sembra mai entrare realmente in partita.

Premiate dalla Lega Pallavolo Serie A Femminile le atlete impegnate nel mondiale giapponese. A premiare Miriam Sylla, Anna Danesi e Monica De Gennaro con tre targhe celebrative sono stati i consiglieri di Lega, Piero Garbellotto e Massimo Boselli Botturi, ed il Direttore Generale della Lega Volley Serie A Femminile, Piero Rebaudengo, per celebrare lo splendido argento conquistato.

PRIMO SET:
Prima della partita è stato osservato anche un sentitissimo e commovente minuto di silenzio in ricordo di Sara Anzanello, campionessa del mondo nel 2002, amica e collega rimpianta da tutti gli addetti ai lavori, e Gilberto Benetton, patron dell’omonima azienda e fondatore del PalaVerde, con le ragazze che durante il minuto hanno tenuto in mezzo al campo uno splendido striscione con su scritto: “Ciao Anza1”.

Santarelli lascia in panchina sia Hill che Sylla, altre reduci dal mondiale, schierando la diagonale Wolosz-Fabris, Danesi e Samadan al centro, Tirozzi e Easy in posto 4 con De Gennaro libero.

Gaspari, con Arrighetti e Bosetti non al meglio, sceglie Radenkovic-Rahimova in diagonale, Marcon e Carceres in banda, Kakolewska e Mio Bertolo al centro con Spirito libero.

Pronti via Tirozzi inaugura la stagione con un Ace, ma le ospiti reagiscono subito (2-2).
Conegliano vuol però dire subito la sua, e col muro di Danesi ed altro ace(stavolta firmato Wolosz) firmano il +3(7-4).
Vantaggio che si mantiene fino fino al primo time out della serata chiamato da Gaspari(8-5). Al ritorno in campo la situazione non cambia, anzi, le pantere si portano fino al +6 (12-6) grazie al turno devastante della Tirozzi al servizio ed ai muri della Samadan, con casalmaggiore costretta ad attaccare cn palle scontate e muro piazzato.
Gaspari cambia con Gray e Pincerato in campo, ma non trova i frutti sperati. Si va al secondo time out ospite sul 15-6, la Pomì sembra già sparita dal campo.

Il lunghissimo turno di Tirozzi è infinito, le ospiti non riescono a costruire un’azione pulita . Sul 17-6 Gaspari si gioca giustamente il primo VC della nuova stagione (si passa 16-7), ma per l’imoco cambia poco e continua a far il proprio gioco in contrattacco o direttamente dalla battuta. Gaspari cambia ancora inserendo Pincerato in cabina di regia, ma il risultato è che pure Rahimova si fa stampare a muro da Megan Easy.(19-7). Le casalasche si sbloccano solo grazie agli errori in battuta delle padroni di casa, mentre gli unici attacchi che passano il muro di conegliano sono sempre preda di De Gennaro.
Un attacco da zona 3 di Fabris in combinazione con Danesi fa esplodere il Palaverde per quanto è stato costruito bene (22-10). Casalmaggiore purtroppo non sembra reagire.

Si va al set point sul 24-12 ed è di nuovo il turno di Tirozzi: ricezione non ottimale e contrattacco di Megan Easy che chiude il discorso in questo primo parziale. 25-12. Tutto troppo facile per le venete.

SECONDO SET
Per le ospiti Gaspari riporta dentro Radenkovic al posto di Pincerato, mentre Santarelli non cambia giustamente nulla.
le pantere vanno subito sul 3a1, ma Rahimova al servizio accorcia con un ace(2-3). Proprio l’azera, stavolta con un pallonetto dalla seconda linea, porta il pareggio(5-5). La Marcon ha le polveri bagnate in attacco, ma la squadra sembra reagire dal primo set(7-6), fino ad un errore evidente di Carcares in pipe che porta il break alle locali(9-7).
Il primo errore in costruzione delle pantere rimette tutto in parità (10-10), ma un’alzata maldestra della Radenkovic prima e un altro muro di Samadan portano l’imoco di nuovo a +2(12-10).

Altro muro gialloblu consegna il massimo vantaggio (+3) e Gaspari cambia di nuovo: dentro Gray e Caterina Bosetti per Carceres e Marcon.

Una grande difesa di Spirito porta al primo contrattacco vincente della Pomì, sempre con la Rahimova(13-16), e Alexa Gray si fa vedere subito sul tabellino, ma l’Imoco dalla parte opposta è una schiacciasassi, e con tirozzi porta il massimo vantaggio nel momento più importante(19-14), con Gaspari costretto a fermare il gioco. Un errore al servizio Imoco, spolverata della Bosetti a muro ed un errore in ricezione della locali portano di nuovo Casalmaggiore a -2, con Santarelli che chiama il suo primo time-out dell’anno(19-17).

Altro contrattacco ospite firma il -1, ma Fabris risponde presente mantenendo le distanze(20-18). Ora è un botta e risposta: Rahimova picchia in parallela, Fabris punisce in lungolinea, ma un errore in attacco di Gray riporta il +3 di casa ed il secondo time out di coach Gaspari. Megan Easy firma il 23-20, quando anche la Nagaoka fa il suo esordio nel nostro campionato. Sul 24-21 Gray annulla una palla set, ma Lussana, schierata come giocatrice normale da gaspari e non da libero, sbaglia al servizio e consegna il secondo set alle pantere (25-22).

Casalmaggiore che è scesa realmente in campo solo ora, ma non basta ancora: sempre costretta a rincorrere l’Imoco che non ha mai visto il risultato a sfavore.

TERZO SET
La musica non cambia neanche all’inizio di questa frazione, anzi con due errori in attacco ed uno in costruione l’Imoco si ritrova immediatamente sul 3a0.
Due attacchi rosa e un errore e due errori al servizio portano la parità (4-4). Un attacco fuori di Easy regala il primo vantaggio ospite della partita(4-5). La Easy si riscatta subito: prima un ottimo attacco, poi un ace ed un errore di Rahimova in parallela consegnano di nuovo il +2 di casa.
Uno degli scambi più belli della partita si risolve con un lungolinea di Tirozzi che mantiene i due punti.(12-10)

Casalmaggiore non molla, ma negli scambi più combattuti ne escono vincenti sempre le padroni di casa, con De Gennaro sempre presente in difesa. Gaspari sul +3 è costretto al time out (14-11).
E’ proprio in questa fase che il gioco rodato e collaudato delle pantere prevale sulle ospiti che devono ancora registrare qualcosa sulla correlazione muro-difesa. Tirozzi con un ottimo salvataggio consegna un contrattacco a Fabris che non si fa pregare, è il +4.
Sembra sostanzialmente questo il punto decisivo della serata che spezza le gambe a qualsiasi iniziativa di rimonta delle ospiti, ed in un amen ci si ritrova sul 18-11 al secondo time-out di Gaspari.
Altro ace di casa, stavolta firmato Easy porta il massimo vantaggio (20-12). Casalmaggiore non riesce più a costruire un’azione pericolosa, ed il contrattacco di casa è micidiale.
24-12 con le ospiti che annullano due palle match, ma alla terza è quella buona.

Finisce 25-14, con un rotondo 3a0 che fa sembrare, anzi lo è , tutto troppo facile per le pantere.
Casalmaggiore deve rivedere se stessa soprattutto sull’aspetto mentale: nelle fasi più importanti e nei pochi momenti testa a testa ha dato l’impressione di spegnersi praticamente da sola.

Per le padroni di casa in doppia cifra Easy(15) e Fabris(12), mentre la migliore delle ospiti è Rahimova con 8 centri.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery