Pallavolo – Serie A1 femminile: comincia ufficialmente il campionato, si parte con Imoco-Pomì

Imoco Volley

Su tutti i campi ci sarà un ricordo di Sara Anzanello, targhe celebrative invece per le azzurre reduci dai Mondiali

Nello stesso scenario che ospitò lo scorso maggio Gara-4 di Finale Scudetto, la Samsung Volley Cup di Serie A1 Femminile riparte a una settimana di distanza dall’argento mondiale conquistato in Giappone dalla Nazionale di Davide Mazzanti. Al PalaVerde di Treviso, sabato alle 20.30 in diretta su Rai Sport + HD, le campionesse d’Italia dell’Imoco Volley Conegliano ospiteranno la Pomì Casalmaggiore nell’anticipo della 1^ giornata di Regular Season. Domenica l’esordio di tutte le altre squadre (eccetto la Bosca S.Bernardo Cuneo, che osserverà il turno di riposo), in diretta su LVF TV, la web-tv ufficiale della Lega Pallavolo Serie A Femminile.

L’impresa iridata delle azzurre sarà festeggiata nel corso del weekend con numerose iniziative: le giocatrici che hanno conseguito il fantastico risultato riceveranno dalla Lega Pallavolo Serie A Femminile una targa celebrativa. Ogni campo rosa di Serie A1 e Serie A2, poi, verrà ‘marchiato’ – per tutta la stagione 2018-19 – con un’adesivo raffigurante una coccarda tricolore e la scritta ‘grAzie ragazze’.

Il fine settimana di Serie A sarà dedicato alla memoria di Sara Anzanello, scomparsa giovedì. La Campionessa del Mondo del 2002 verrà ricordata su tutti i campi di Serie A1 e Serie A2 con un minuto di raccoglimento. Al PalaVerde, in occasione del primo match del Campionato, le giocatrici in campo esibiranno un lungo striscione per porgere un ultimo saluto ad ‘Anza’, simbolo di forza e coraggio sotto rete e nella vita.

LA 1^ GIORNATA
Con il tricolore sul petto, l’Imoco Volley Conegliano ospita al PalaVerde la Pomì Casalmaggiore nell’ouverture della stagione, sabato alle 20.30 in diretta su Rai Sport + HD (canali 57 e 58 del digitale terrestre). Le pantere di Daniele Santarelli, accolte tutte le nazionali in arrivo dai Mondiali in Giappone – oltre alle azzurre Danesi, De Gennaro e Sylla, anche la statunitense Hill e la giapponese Nagaoka – cercheranno di partire con il piede giusto, anche in vista della Supercoppa del 10 novembre. Di fronte, le rosa di Marco Gaspari, formazione profondamente rinnovata alla ricerca di riscatto dopo una stagione con alcune difficoltà: “Dopo mesi in cui diciamo che non vediamo l’ora di iniziare, ora è arrivato il gran momento e siamo pronti per scendere domani in campo nel nostro Palaverde e ricevere l’abbraccio del nostro meraviglioso pubblico dopo tanti mesi – afferma Daniele Santarelli -. Sarà una bella emozione e cercheremo sul campo di ripagare l’affetto e il calore che ci verrà riservato. Dopo mesi in cui ci allenavamo in poche titolari, oggi è bello vedere la palestra piena con tutta la squadra ad allenarsi, ho ancora qualche dubbio sulla formazione perché dobbiamo testare in allenamento la condizione e l’inserimento di chi è arrivata qui da poche ore, ma in ogni caso vogliamo fare una bella partita e iniziare bene la stagione. Casalmaggiore forse sarà un po’ più avanti di noi avendo avuto meno ragazze impegnate ai Mondiali, ma la rosa ampia che abbiamo a disposizione ci consente di guardare con fiducia alla partita di domani“. “Stiamo costruendo quello che sarà il nostro gioco – afferma Gaspari – dopo l’arrivo di Gray e Rahimova. Di sicuro, come tutti sapete, siamo una squadra totalmente nuova con diverse giocatrici che non hanno mai giocato insieme, ma punteremo a creare entusiasmo il prima possibile e meccanismi semplici in modo che tutto possa andare per il meglio. Dobbiamo pensare però, come ho già detto, al nostro gioco, punto per punto, azione per azione, rimanendo lucide e mature per affrontare ogni situazione perché abbiamo doti tecniche e fisiche per fare un grandissimo campionato”.

Domenica alle 17.00 il resto del programma. La Igor Gorgonzola Novara di Paola Egonu, Cristina Chirichella e dell’oro Mondiale Stefana Veljkovic attenderà la Banca Valsabbina Millenium Brescia, alla prima storica apparizione in Serie A1. Francesca Piccinini (che il 7 novembre festeggerà i 25 anni di carriera in A1) presenta la stagione azzurra: “La squadra allestita ha tutte le potenzialità per fare bene e per essere competitiva a tutti i livelli, il clima di queste prime settimane in palestra è ottimo e questo è un presupposto importante. Ora la parola passa al campo, sappiamo che avremo avversarie agguerrite e di livello, a partire da Conegliano e Scandicci, e che nessuna vittoria sarà scontata. Questo però non fa che aumentare il fascino della sfida. Non vedo l’ora di cominciare: pensiamo tutte e solo all’esordio con Brescia, partire subito bene non sarà facile ma sarebbe molto importante”. Sul lato opposto del campo, Mazzola prepara il match con grande attenzione: con Nicoletti in ripresa (dovrebbe essere disponibile dal primo minuto), scendono invece le probabilità di vedere in campo l’ex del match Judith Pietersen, alle prese con un noioso mal di schiena. Tutte in buona forma le altre Leonesse, con numerosi esordi in A1 italiana che regaleranno forti emozioni non solo agli appassionati e tifosi Millenium, ma anche alle stesse atlete in campo.

Con grande entusiasmo la Lardini Filottrano comincia la sua seconda stagione consecutiva in A1. Sull’onda del coinvolgimento che le marchigiane riuscirono a creare nella seconda parte dello scorso Campionato, si attende un pubblico numeroso al PalaBaldinelli per l’arrivo della Savino Del Bene Scandicci e di tutte le sue stelle, tra le quali le azzurre Ofelia Malinov e Lucia Bosetti e la serba d’oro Jovana Stevanovic. Tra le padrone di casa, che si presentano con un roster praticamente nuovo di zecca, desta curiosità la coppia asiatica di palleggiatrici, con la Tominaga appena rientrata dal Giappone e la taiwanese Yang pronta eventualmente a sostituirla. Le ospiti in settimana hanno effettuato un test con Cuneo per cercare di creare un’amalgama con le neo arrivate dal Giappone: “Immagino che le giocatrici delle nazionali attendessero di riunirsi alla squadra e anche noi le attendevamo con ansia – le parole di coach Carlo Parisi -. La partita è stata proprio un’occasione per cominciare a conoscersi. L’obiettivo era quello di stare in campo e di familiarizzare”.

Quello di domenica sarà il decimo confronto diretto tra Saugella Team Monza e Club Italia Crai. Le brianzole, che devono fare i conti con l’infortunio al dito della mano sinistra di Anne Buijs (starà ferma per circa un mese), ospiteranno le giovani azzurre, quattro delle quali reduci dal Mondiale: “Il Club Italia è una squadra ben attrezzata dal punto di vista tecnico e fisico – ammonisce Miguel Angel Falasca, neo-allenatore delle ragazze di Monza -. La prima stagionale mette sempre un po’ di ansia e pressione ma noi dovremo essere bravi a gestirle. Ci siamo appena trovati al completo ma le sensazioni dopo il primo allenamento insieme sono ottime. Ci vuole del tempo per ingranare i meccanismi al massimo. La squadra, però, è già molto motivata e determinata e questo è un ottimo segnale che ci permetterà di arrivare in breve tempo al massimo della condizione”. “Dalle prime tre partite – spiega Massimo Bellano, tecnico del Club Italia – ci aspettiamo di rimetterci in pista, di ritrovare intesa nel gioco e di ripulire gli errori. Mentre dal campionato come accade per ogni stagione l’auspicio è che le ragazze che fanno parte del Club Italia acquisiscano sempre maggiore esperienza, necessaria per agevolare il loro futuro professionale al di fuori della squadra federale e una maggiore autonomia dal punto di vista tecnico e tattico. Anche se non ci siamo prefissati un obiettivo di classifica – prosegue il tecnico federale -, perché sarà la conseguenza di cosa accadrà la domenica e durante la settimana, il nostro scopo sarà quello di dare del filo da torcere a tutte le squadre che giocheranno contro di noi turno dopo turno”.

C’è grande attesa per l’esordio della Zanetti Bergamo, ripartita con grandi ambizioni dopo lo storico cambio di title sponsor. Le rossoblù di Matteo Bertini ospiteranno la Unet E-Work Busto Arsizio, un match che si è già disputato 25 volte, con 13 successi delle orobiche e 12 delle farfalle. “Sarà una partita difficile, tosta – conferma Imma Sirressi, libero all’esordio con la maglia della Zanetti Bergamo –. Però alla nostra portata. Dovremo sistemare un paio di cose e studiarle, sistemarci dal punto di vista tattico e poi partire. Saremo a casa nostra e dovremo fargli trovare un ambiente difficile. Noi e il pubblico. Spero che Cambi e Courtney si integrino presto. Dipenderà molto da loro, ma noi faremo di tutto per farle sentire subito parte del gruppo. Sentiranno la stanchezza del Mondiale, ma hanno tanta voglia di essere qui e la voglia ti fa arrivare dappertutto”. Così Marco Mencarelli, coach di Busto: “I risultati delle partite amichevoli giocate con Bergamo non fanno testo: come sempre accade nel precampionato utilizzo i test in modo particolare, per provare situazioni di gioco che non sono predittive di come la squadra potrà esprimersi nella prime giornate del torneo. Arriviamo a questa partita con un bel periodo di lavoro tutte insieme, in cui le ragazze hanno potuto trovare automatismi e hanno raggiunto un bel ritmo di gioco. In una parola sola: siamo pronti”.

Debutto assoluto in Serie A1 per la Reale Mutua Fenera Chieri, che farà visita a Il Bisonte Firenze al Mandela Forum. “Il pre-campionato è andato piuttosto bene dal punto di vista della pianificazione, con grande disponibilità da parte di tutte le ragazze – le parole di Luca Secchi, coach delle torinesi -. Andiamo a Firenze a disputare una partita complicata sia perché la prima, sia perché ci sono giocatrici di alto profilo, importanti e con esperienza in A1. Noi non abbiamo potuto studiare fino in fondo l’avversario e dovremo perciò affidarci a ciò che abbiamo allenato in queste settimane e alla qualità di gioco che abbiamo messo in piedi. Detto questo, per me e per la stragrande maggioranza delle ragazze, nonché per la società sarà la prima volta in serie A: le emozioni che dovremo controllare sono molteplici da parte di tutti e sarà importante convogliare l’adrenalina nella maniera più corretta”. Tra le bisontine un mix tra novità e conferme per migliorare ulteriormente i risultati più che positivi delle ultime stagioni. Sotto la guida di Gianni Caprara e della capitana Laura Dijkema: “E’ un grandissimo onore per me poter essere il capitano di una squadra importante come Il Bisonte Firenze, e sono davvero orgogliosa che coach Caprara mi abbia scelta per ricoprire questo ruolo. Penso che sarà una stagione molto interessante, perché abbiamo tante ottime giocatrici e un bell’ambiente, quindi non vedo l’ora di cominciare”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery