NBA – Malumori in casa Wizards, Beal e Wall tuonano: “certa gente pensa ai tiri e ai minuti ma…”

LaPresse/Reuters

Bradley Beal e John Wall criticano duramente i compagni dopo un inizio di stagione fra alti e bassi: troppo egoismo e poco gioco di squadra alla base degli scarsi risultati degli Wizards

Con 1 vittoria e 4 sconfittei Washington Wizards non sono soddisfatti del proprio inizio di stagione. A far trapelare il malumore che si respira nella capitale sono stati i due giocatori simbolo della squadra, Bradley Beal e John Wall che, senza mezzi termini, hanno puntato il dito contro i compagni, giudicandoli troppo egoisti e volti a pensare unicamente a se stessi, piuttosto che alla prestazione di squadra. Dopo la partita contro i Kings, Beal ha dichiarato: “a volte c’è qualcuno che sembra pensare più a se stesso che alla squadra in campo, chi si lamenta di chi prende i tiri in campo, chi dei propri minuti di gioco, o per qualsiasi altra cosa. Ci stiamo preoccupando per le cose sbagliate, e i nostri pensieri non dovrebbero essere rivolti a queste sciocchezze. Questo può solo continuare a farci del male come squadra”.

Anche John Wall ha espresso un concetto simile a quello del compagno: “abbiamo dei ragazzi che si preoccupano per chi si sta prendendo i tiri in campo, una cosa che non dovrebbe mai succedere. Non importa che stiamo segnando, sbagliando, dobbiamo solo essere in grado di competere in campo, e sia in attacco che in difesa. Se non puoi fare questo, non dovresti essere in campo e basta”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery