NBA – Rissa Rondo-Paul, Mike D’Antoni non ci sta: “uno sputo e un pugno, Chris sarebbe dovuto restare fermo?”

LaPresse/Spada

Mike D’Antoni protesta dopo la decisione della lega di squalificare Chris Paul in seguito alla rissa contro Rajon Rondo: il coach dei Rockets crede che la pena inflitta al suo playmaker sia ingiusta

La lega si è finalmente espressa in merito alla rissa che ha coinvolto Chris Paul e Rajond Rondo durante Lakers-Rockets. La decisione presa dai vertici NBA non è stata poi così severa, ma nonostante ciò, il coach degli Houston Rockets ha avuto molto da ridire. Secondo Mike D’Antoni infatti, la pena inflitta a Chris Paul è stata ingiusta: “non è giusto. Non è stata una decisione equa. Se guardate a quello che è successo veramente, potete vedere uno sputo e tutto il resto. Come avrebbe dovuto reagire? Doveva stare fermo, prendere uno sputo in faccia e in più essere picchiato senza fare niente? Non ha alcun senso per me questa cosa. La Lega sta facendo il meglio che può fare. E’ una situazione difficile e li capisco. Andremo avanti in ogni caso. Solamente ribadisco che secondo la mia opinione questa non è stata una scelta equa”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery