NBA – La verità di Derrick Rose: “dopo la rottura del crociato in molti avrebbero smesso. La gente vuole vedermi”

derrick rose LaPresse/REUTERS

Derrick Rose è pronto a giocare una stagione da protagonista in maglia Timberwolves: l’ex Bulls e Cavs è tornato a parlare dei suoi infortuni e della forza di volontà che c’è voluta per superarli

La carriera di Derrick Rose sembrava destinata a viaggiare a grandi velocità, come il suo gioco atletico e spumeggiante, verso l’Olimpo dell’NBA. Purtroppo però, il destino e tanti infortuni hanno interrotto il suo cammino a metà strada, facendogli assaporare la gloria dell’essere diventato già in giovane età MVP, per poi trascinarlo in un circolo di infortuni che lo hanno fortemente limitato durante la carriera. In una recente intervista, adesso che gli infortuni sembrano ormai alle spalle, il playmaker dei Timberwolves è tornato a parlare dei momenti più difficili della carriera, della questione ritiro e del suo amore per il basket che lo ha spinto a tornare, ogni volta, più motivato: “sono al mio 11esimo anno ora. Mi sono rotto il legamento del crociato durante il mio terzo anno. Molti ragazzi si sarebbero ritirati. Dal punto di vista finanziario, ho risparmiato dei soldi. Si tratta semplicemente di amore. Io sento che posso ancora giocare. Anche le persone che sono state dure con me, lo sono state perchè volevano vedermi giocare. Lo capisco. Sei arrabbiamo perchè gioco un tipo di pallacanestro che ti piace guardare e per questo vuoi vedermelo fare. Ma farò quello che è meglio per me stesso, anche stare fuori per un anno rimettendomi in forma per tornare in campo. Devi sapere chi sei. Tutto questo tempo fuori o anche il fatto di essermi infortunato, era il mio modo di trovare il ritmo. Molte persone non si danno la possibilità di riprende il ritmo e guarire. Vincere un MVP così giovane, fare le cose che ho fatto io… io mi sono fatto prendere da tutto questo”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery