MotoGp – Marquez, la pioggia e la gara di gruppo in Australia: “avevo paura! Ecco cosa dobbiamo capire”

marc marquez AFP/LaPresse

Le sensazioni di Marc Marquez dopo la pole position conquistata nelle qualifiche del Gp d’Australia di questa mattina a Phillip Island

Marc Marquez inarrestabile! Dopo la vittoria del titolo Mondiale di domenica scorsa in Giappone, lo spagnolo è riuscito a mantenere la concentrazione giusta per far bene anche in Australia. Nonostante un weekend al top di Iannone e una leggera pioggia improvvisa arrivata proprio all’inizio della Q2, lo spagnolo della Honda ha conquistato una splendida pole position a Phillip Island, seguito da Vinales e Zarco.

marc marquez

AFP/LaPresse

Sapevo che non ero lontano per fare la pole, mi aspettavo Iannone, il più forte in questa pista, quando ho visto la pioggia leggera, faceva paura sulla moto, perchè qua si gira tanto veloce, la prima uscita si è fermato tanto e ho spinto, nel secondo giro non volevo spingere di più perchè sapevo che il tempo era molto buono. Che gara faccio? Sarà difficile, devo capire lo pneumatico dietro, penso che sarà una gara di gruppo“, ha dichiarato Marquez ai microfoni Sky al termine delle qualifiche.

Devo lavorare nel t4 per domani, dobbiamo vedere due tre cose, è un t4 che cambia ogni giorno, ieri andavo molto forte oggi facevo più fatica“, ha continuato.

Era difficile capire quali parti, come e quando spingere con la moto, fa paura quando inizi a vedere delle goccioline d’acqua, a parte questo ho provato a trovare il buon giro, con le seconde gomme non era male, ma ho visto che c’era ancora qualche gocciolina di pioggia e non mi sono preso rischi. Domani ci sarà la gara, abbiamo visto molte cadute in questo weekend quindi è facile infortunarsi. Tutte le Honda hanno problemi qui, ma step by step siamo riusciti a fare un buon lavoro col team e lo staff giapponese e siamo riusciti a migliorare il feeling e siamo allo stesso livello degli altri in termini di passo gara, solo Iannone sembra messo meglio. Sarà una gara lunga, difficile e bisognerà gestire al meglio le gomme“, ha aggiunto lo spagnolo della Honda in conferenza stampa.

AFP/LaPresse

Spero di avere ancora una lunga lunga vita, ci sono molti anni davanti a me, cercherò di mantenere questo livello, l’ultima cosa che voglio fare è paragonarmi ai grandi nomi alle grandi leggende dello sport”, ha continuato Marquez, prima di precisare ancora una volta che il suo atteggiamento in pista è sempre lo stesso nonostante il titolo già conquistato: “mi sento come in tutti gli altri weekend, vorrei sentirmi ancora meglio perchè abbiamo avuto qualche problemino, ma sto spingendo come un pazzo, cado, come in tutti i weekend, cerco di lavorare bene per la gara, non possiamo dimenticare che c’è un campionato marche, ci sono dei fattori che mi spingono ancora a mantenere alta la concentrazione“.

marc marquez

AFP/LaPresse

Dipenderà tutto dall’inizio e dalla scelta della gomma, se si sceglie la dura al posteriore si può spingere per tutta la gara, tutto dipenderà dalla scelta della gomma al posteriore degli avversari, i primi giri fanno la differenza, staremo a vedere. Anche le condizioni influiranno, se è molto ventoso sarà difficile staccarsi dal gruppo, potrebbe essere una gara simile a quella dell’anno scorso“, ha affermato ancora il campione del mondo prima di commentare le richieste fatte in Safety Commission, tra cui quelle di cambiare orari e date della gara: “potrebbe essere interessante cambiare l’orario della gara, ma penso che le cadute sarebbero le stesse, tutti andiamo veloce e fa molto freddo, la reazione della moto è più aggressiva, per questo motivo abbiamo molte cadute, si potrebbe cambiare di un’ora l’orario ma non ci cambierebbe la vita. Abbiamo parlato di diverse questioni di sicurezza, come togliere l’erba, il prato naturale in alcune aree“.

Dipende tutto da Iannone. Se Iannone vuole, noi non vinciamo. Se è come oggi, vince lui, ma domani è un altro giorno e non deve andare per forza come oggi. Cercheremo di mgliorare e se ce la faremo, avremo delle opzioni anche noi. Non siamo un passo avanti come l’anno scorso. Forse lo è Iannone, ma poi siamo un gruppetto di due o tre piloti. Comunque sarà difficile gestire la gara e scegliere la gomma giusta“, ha affermato ancora Marquez a Motorsport.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery