Milan, spunta la lettera di licenziamento di Fassone: “grave negligenza”

Fassone - Milan-Inter Fassone - ph Lapresse

L’ex amministratore delegato del Milan, Marco Fassone, è stato silurato nel momento dell’arrivo di Elliott a capo del club rossonero

Il Milan è passato ormai da mesi dalle mani di Yonghongh Li a quelle del fondo Elliott. Nel momento del cambio di proprietà, c’è stato anche un avvicendamento a capo del club, partendo dall’amministratore delegato Marco Fassone che è stato silurato con una lettera. Tale lettera di licenziamento è saltata fuori in queste ore, pubblicata da Calcio&Finanza. Il Milan, per motivare il licenziamento, ha descritto nel dettaglio la condotta non all’altezza di Fassone: “Le condotte da Lei tenute, del resto, evidenziano una grave indifferenza e negligenza rispetto a fondamentali interessi della nostra Società e delle risorse in essa impiegate e operanti a favore della medesima e acquistano gravità ancora maggiore tenuto conto dell’elevata qualifica dirigenziale e della posizione apicale da Lei rivestita all’interno della nostra società“.

Paolo Scaroni

LaPresse/Roberto Monaldo

Ma non è tutto, la lettera firmata da Scaroni prosegue: “Non possiamo, poi, non rilevare come Lei abbia disertato, sistematicamente e senza alcuna valida e giuridicamente apprezzabile ragione, ogni incontro fissato ai fini delle audizioni a difesa ex art. 7 L. n° 300/1970, da Lei stesso richieste alla nostra Società puntualmente accordate, anche al fine di consentirLe la consultazione e l’analisi della documentazione alla base dei procedimenti disciplinari. Peraltro, neppure Lei ha inteso fornire, con riferimento sia allo svolgimento delle audizioni richieste sia alla consultazione della documentazione messaLe a disposizione, alcuna Sua (e/o di un Suo rappresentante sindacale) disponibilità alternativa. Alla luce di quanto sopra, pare, allora, che le stesse richieste di audizione orale rivestano natura dilatoria e meramente strumentale, avendo Lei, vieppiù, compiutamente preso posizione, per iscritto, anche per il tramite dei propri legali, rispetto agli addebiti disciplinari. Pertanto, i suddetti comportamenti e fatti, a Lei ritualmente contestati nelle richiamate lettere di contestazione disciplinare, integrano, valutati tanto singolarmente quanto nel loro complesso, violazioni dei doveri su di Lei incombenti, in relazione al rapporto di lavoro intrattenuto con la nostra Società, talmente gravi da non rendere possibile la prosecuzione neppure provvisoria del rapporto medesimo, avendo determinato in maniera inemendabile e radicale, il venire meno dell’elemento fiduciario, che deve accompagnare ogni rapporto di lavoro subordinato, soprattutto se caratterizzato da elevata posizione e poteri, quale quello di cui Lei è parte. In considerazione dei suesposti motivi, ci vediamo pertanto costretti a risolvere per giusta causa, ai sensi e per gli effetti dell’art. 2119 c.c., il rapporto di lavoro con Lei intrattenuto, per ciascuno dei fatti a Lei contestati e tanto più per il loro complesso. Le comunichiamo, pertanto, il Suo licenziamento per giusta causa e con effetto immediato ai sensi e per gli effetti dell’art. 2119 c.c. e con decorrenza ai sensi e per gli effetti dell’art. 1, co. 41 L. n°92/2012. La preghiamo, quindi, di provvedere, immediatamente, alla riconsegna dei beni e documenti aziendali attualmente in Suo possesso, nonché al rilascio ovvero alla liberazione dell’immobile da Lei occupato.
In ogni caso, con la più ampia riserva di intraprendere qualsivoglia opportuna azione a nostra tutela. Distinti saluti, A.C. Milan S.p.A.
“.

Valuta questo articolo

5.0/5 da 1 voto.
Please wait...


FotoGallery