Milan, Gattuso a testa bassa: “perse le nostre sicurezze. Esonero? Ecco cosa dico”

Spada/LaPresse

Gennaro Gattuso potrebbe essere esonerato dal ruolo di allenatore del Milan a seguito dell’ennesima prestazione al di sotto delle aspettative

Gennaro Gattuso è a serio rischio esonero dal ruolo di allenatore del Milan. Il tecnico rossonero, dopo la debacle contro il Betis Siviglia in Europa League, si è presentato ai microfoni di Skysport per commentare la pessima prova dei suoi: “Abbiamo perso la bussola, quella di oggi è stata una partita di sofferenza. Stiamo perdendo le nostre sicurezze e la squadra non sta giocando con la mente libera, soffriamo tantissimo e non troviamo le nostre giocate. La squadra si è vista negli ultimi 10 minuti e ci è andata anche bene. Non parlo di episodi ma il Betis ha dominato. Potevamo prendere altri gol, è la fragilità che mi preoccupa“.

milan

Foto LaPresse – Spada

Bisogna capire i perché, ora non siamo nemmeno bravi a fare quello che ci ha permesso di fare la differenza in passato. Facciamo fatica a fare tante cose, come a far girare palla. Serve capire qual è il problema, che potrebbe anche essere la mia idea tattica… Non solo, dobbiamo capire perché vedo una squadra lontana da quella che esprimeva un bel calcio poche settimane fa. Questione psicologica? Oggi abbiamo cambiato tantissimo, non è questione di moduli ma di paura perché non riusciamo a reagire. Non siamo padroni del campo. Non ‘è fluidità né lucidità – prosegue Gattuso – ora non si può parlare di Higuain o di altri, tutta la squadra fa fatica a girare e qualche soluzione va trovata. Mancano tante cose, siamo piatti e invece di andare avanti torniamo indietro. Così non c’è lucidità ma frenesia. E anche in difesa non ci comportiamo bene. Ma non è solo questione di un uomo ma di tutti. Il primo responsabile sono io e devo riuscire a mettere questa squadra nelle condizioni di esprimersi al meglio. Giusto che io sia messo in discussione in questa società gloriosa“.

Ma Gattuso avrà il tempo di rimettere in riga il Milan: “Ho detto a tutti che l’entusiasmo che c’è a Milanello mi piace, l’atmosfera è diversa da quella che si vede fuori. Ma oggi abbiamo sbagliato tutti, dobbiamo tornare ad essere quelli di prima. La mia panchina? Con l’Inter ci sono state anche cose positive; oggi per me è difficile dormire dopo questo match non bello da vedere. Sembravamo quelli di Verona e Benevento l’anno scorso… Questa squadra non può pensare di giocare così e fare un campionato importante. Non metto le mani avanti, è colpa mia. Sono amareggiato, non posso accettare prestazioni così“.

Valuta questo articolo

3.0/5 da 1 voto.
Please wait...


FotoGallery