Lega Pro, Gravina lascia l’incarico di presidente: “si tratta di un atto di correttezza”

Gabriele Gravina LaPresse/Fabio Cimaglia

Il candidato unico alla presidenza della Federazione Italiana ha rassegnato le proprie dimissioni da numero uno della Lega Pro

Gabriele Gravina si è dimesso dall’incarico di presidente della Lega Pro. Al termine dell’Assemblea, si è tenuto il Direttivo di Lega Pro, nel quale il Presidente Gabriele Gravina, candidato unico alla presidenza federale alle elezioni del 22 ottobre, ha rassegnato le dimissioni. “E’ un atto di correttezza e si garantisce il percorso di continuità al lavoro della Lega Pro“, ha dichiarato Gabriele Gravina. La gestione ordinaria sarà tenuta da Mauro Grimaldi, Vicepresidente vicario, in attesa dell’Assemblea elettiva della Lega Pro.

Nell’Assemblea dei club di Lega Pro è stato presentato il bilancio chiuso al 30 giugno 2018. Il bilancio, che segna un avanzo di gestione di 1.726.134 euro al netto delle imposte, è stato approvato all’unanimità dai club. Il Presidente Gravina ha poi ringraziato il suo team e i Presidenti dei club di Lega Pro: “Ringrazio la Lega Pro, il mio team e voi Presidenti per un percorso di crescita compiuto assieme e che mi ha permesso, anche con l’esperienza pregressa, di conoscere i punti di forza e le criticità del nostro calcio e in modo trasversale. Il calcio deve ripartire da una base: o cresce in sostenibilità o non cresce e per farlo tornare ad essere competitivo è necessario un lavoro di squadra“. Quanto ai possibili candidati alla Presidenza della Lega Pro, Gravina non si è espresso, ma ha confermato che tutto avverrà entro 20 giorni. (ADNKRONOS)

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery