Juventus, Agnelli congeda Marotta: “con Beppe siamo cresciuti, ecco come divideremo le sue mansioni”

andrea agnelli LaPresse/Jennifer Lorenzini

Nel corso dell’assemblea degli azionisti, il presidente della Juventus ha svelato come verranno redistribuite le mansioni di Marotta dopo il suo addio

L’era Marotta alla Juventus è ufficialmente terminata, la Juventus riparte dunque senza il suo ex amministratore delegato. Comincia un nuovo percorso per il club bianconero, con il solito Andrea Agnelli nelle vesti di presidente.

Juventus alle prese con le prime mosse di calciomercato, la società dovrà mettere una pezza al via vai sulle corsie di difesa: tutte le novità

LaPresse/Daniele Badolato

Il numero uno della società ha parlato oggi nel corso dell’assemblea degli azionisti, ringraziando Marotta e redistribuendo le sue mansioni: “sono 40 anni che Beppe gestisce club di calcio, con successi come quelli del Venezia. Poi l’Atalanta e la Samp lasciata in Champions prima di raggiungere la Juve. La capacità, la conoscenza di Marotta, sono stati strumentali per la crescita di questa Società e anche a lui dobbiamo un caloroso ringraziamento e un applauso. L’elemento che ci ha permesso le scelte che abbiamo fatto è la capacità di Aldo e Beppe di far crescere professionisti sotto di loro, far crescere futuri professionisti che possano prendere il loro ruolo. Si è scelto di conferire i ruoli a risorse già presenti in azienda. Per quanto riferibile a Beppe Marotta, si è scelto di ridistribuire le mansioni in parte a chi già ricopriva un ruolo apicale e a chi fa già parte del Consiglio. Ci sarà quindi una nuova generazione di leader cui affidare la Juventus. Paratici (sport) con al fianco Federico Cherubini, Marco Re (servizi), Giorgio Ricci (ricavi)“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery