F1, Vettel fa mea culpa: “in alcuni momenti avrei dovuto far meglio, ci è mancato il passo della Mercedes”

photo4/Lapresse

Il pilota della Ferrari ha parlato del momento del team, sottolineando la volontà di ritardare i festeggiamenti di Hamilton

Barba incolta, un filo di stanchezza ma tanta voglia di tornare a far bene. Sebastian Vettel si presenta così ad Austin per il Gp degli Stati Uniti, appuntamento cruciale della stagione in cui Hamilton potrebbe festeggiare il quinto titolo mondiale.

photo4/Lapresse

La Ferrari non ha nessuna intenzione di partire battuta, come sottolinea Seb alla vigilia del week-end texano: “la Mercedes è stata più efficace, basta un’occhiata alla classifica. In certi momenti avrei dovuto fare meglio, come a Hockenheim. In altre gare non avevamo la velocità per dominare il weekend, mettere la macchina in pole e vincere la domenica. Non penso ai due mesi appena trascorsi, l’ho fatto però non è questo il momento. E comunque è difficile non riesaminare l’accaduto, ma non ha senso e c’è solo da concentrarsi su domenica. In alcuni fine settimana siamo stati poco fortunati e si sono conclusi in modo molto differente da come li avevamo previsti. Loro sono stati bravi ad approfittare della situazione perché sono forti. Non è che ci siamo fatti da parte. Quei successi e quei punti sono dovuti andare a conquistarseli. Sono stati gran premi dolorosi, ma questo è il passato e non lo possiamo cambiare. Adesso dobbiamo pensare esclusivamente a queste quattro corse finali e fare tutto quanto è in nostro potere per prevalere. E poi vediamo che succede. Per rimanere in competizione, dovremo essere veloci, vincere e vedere cosa farà l’altra parte. Nelle ultime due settimane ci è mancata la velocità per tenere il passo della Mercedes. Però abbiamo in testa delle idee e speriamo di riemergere“.

vettel

photo4/Lapresse

La possibile pioggia potrebbe aiutare le Ferrari, ma Vettel non ci spera: “dopo Sochi e Suzuka sarà importante sfruttare le gare future per capire dove siamo e dove stiamo andando. Perché nella prossima stagione le regole cambieranno, però non così tanto. La pioggia non è stata una mia alleata? Ma dai, qui e là non ha aiutato ma fa parte del gioco. I fattori esterni non c’entrano e l’acqua non sarà un problema. Se la macchina è veloce lo sarà sia sull’asciutto sia sul bagnato. Vado in pista per vincere, lo farò in modo aggressivo. Conta il giusto equilibrio, non fai mai qualcosa di stupido. So cosa serve e cosa devo fare: normale prendersi qualche rischio in più, perché il campionato non dipende esclusivamente da noi. Alla fine analizzeremo cosa è successo, non credo che il ko in campionato sia dipeso da una cosa soltanto. E soprattutto non è cambiato l’allineamento delle stelle“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery