McGregor vs Nurmagomedov – Khabib vince la sfida di UFC 229: Conor costretto a cedere per sottomissione

Credits: Instagram @gusev_am

Khabib Nurmagomedov batte Conor McGregor nella tanto attesa sfida di UFC 229: il fighter daghestano costringe l’irlandese alla resa per sottomissione nel 4° round

Conor McGregor vs Khabib Nurmagomedov, l’incontro più atteso di UFC 229. Alla vigilia è stato presentato come ‘il match più importante degli ultimi 10 anni di MMA’, giusto per rendere l’idea.

Da una parte il volto delle MMA e dell’UFC, Conor McGregor: irlandese purosangue, con la faccia da schiaffi e un ego in grado di riempire ogni palazzetto in cui ha combattuto. Personalità da vendere, esperto di trash talking e con un’abilità di striking fuori dal comune, finalizzata in un sinistro rapido e letale: non lo vedi arrivare e te ne rendi conto solo dopo che riapri gli occhi, a match già concluso. Dall’altra Khabib Nurmagomedov, il fighter daghestano che rappresenta l’antitesi dell’irlandese: personalità tranquilla, fatica a parlare inglese e non alza mai i toni. Fa parlare le sue abilità nel sambo (due volte campione mondiale) e nella lotta in piedi e al tappeto, nonchè il suo score di vittorie, 26-0, che lo rende ancora imbattuto. Il fighter con la Papakha, il classico copricapo delle popolazioni del caucaso, difende la cintura dei pesi leggeri che proprio McGregor è stato costretto a rendere vacante per inattività, vista l’assenza di quasi 2 anni dalla gabbia. Titolo che lo stesso Khabib vinse contro Al Iaquinta lo scorso 7 aprile a Brooklyn. Proprio a Brooklyn McGregor andò a cercare lo stesso Nurmagomedov, devastando il backstage del Brooklyn Center e assaltando il pullman del daghestano, per farsi ‘giustizia da solo’ e venne poi arrestato.

Khabib Nurmagomedov

Credits: Instagram @detskaya_odejda_06

Alle prime luci dall’alba in Italia, la resa dei conti. Un match più tattico del previsto, eventualità che di certo non sorride a Conor McGregor che nel primo round prova a piazzare subito un sinistro, ma si ritrova a dover lottare a terra dopo un takedown. La folla rumoreggia, ma ‘The Notorius’ non riesce ad uscirne e Khabib controlla il primo round (10-9). Nel secondo round Khabib passa all’offensiva: destro violento e ground and pound a terra. I colpi del daghestano fanno male, ma l’ex campione non crolla. McGregor conclude il round malandato, ma in piedi e continua a sorridere beffardamente all’avversario (10-8 Nurmagomedov). Nel terzo round Khabib continua a scegliere la lotta a terra, ma senza ottenere granchè, mentre i colpi di McGregor non hanno la forza necessaria per far male (9-10 McGregor). Il quarto round è quello decisivo. Khabib porta McGregor nuovamente a terra e riesce ad applicare una rear naked choke[VIDEO]: la sottomissione è letale e Conor McGregor è costretto a cedere. Khabib Nurmagomedov vince il match per sottomissione al 4 round ed è ancora campione dei pesi leggeri UFC.

Nel finale succede di tutto e la tensione sale alle stelle. Nurmagomedov scavalca la gabbia e va ad attaccare il coach di McGregor, Dillon Danis [VIDEO]. La sicurezza interviene e scoppia il caos. Un membro del team di Nurmagomedov attacca McGregor nell’ottagono. Entra anche Dana White e cerca di riportare la calma. Il pubblico lancia birre e altri oggetti all’interno dell’ottagono mentre l’arbitro certifica il successo di Nurmagomedov.

ULTIMA ORA >>> UFC 229 – Cosa rischia Khabib Nurmagomedov dopo la rissa post match? I provvedimenti sportivi e legali sono gravissimi

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery