Ancora guai per Yonghong Li: la Cina vuole vederci chiaro sui suoi debiti, non potrà lasciare il paese

Yonghong Li LaPresse/Spada

Yonghong Li non potrà lasciare la Cina, revocato il passaporto, le autorità vogliono vederci chiaro in merito ai debiti dell’ex patron rossonero

Yonghong Li si rifà vivo, stavolta per questioni extra calcistiche. L’ex presidente del Milan ha messo una pulce nell’orecchio delle autorità cinesi dopo la fine della sua esperienza in rossonero, fine non certo idilliaca dati i problemi nel ripagare i debiti contratti. Proprio in tal senso, riportano i media cinesi, le autorità locali vogliono vederci chiaro relativamente alle pendenze di Yonghong Li, tanto che hanno intimato all’ex presidente rossonero di non lasciare la Cina. All’imprenditore è stato revocato il passaporto e dunque non potrà lasciare il paese finchè tutta la bufera non si sarà placata.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery