Morata racconta i suoi momenti difficili: “soldi e fama portano molti problemi”

morata Instagram @alvaromorata

Alvaro Morata ha raccontato la sua vita al di fuori del campo da calcio, con qualche problema derivato dalla fama ottenuta negli ultimi anni

Alvaro Morata si racconta. Ai microfoni di El Mundo, il centravanti spagnolo ha parlato del momento della sua carriera al Chelsea, ma anche della vita da calciatore che gli ha comportato alcuni problemi non da poco. Soldi e fama hanno creato qualche scompenso nella vita di Morata: “Dalla stagione scorsa ho imparato molte cose, è stato un anno molto difficile: me ne sono andato di casa per poter giocare il Mondiale e alla fine sono rimasto senza nazionale, da queste cose poi soltanto imparare nonostante siano dure da vivere. Con l’arrivo dei miei figli poi ho imparato a controllare le emozioni sia negative che positive: oggi sono una persona felice, soprattutto fuori dal campo, lontano dal calcio. Quando gioco invece mi piacerebbe esserlo di più e per questo devo segnare i gol che sono ciò che mi rende contento. Nei mesi scorsi ho parlato di difficoltà, ma ho detto che la mia non era depressione anche se vivevo molto male. Quando sono arrivato a Londra ho segnato sette gol in sette partite e i tifosi gridavano il mio nome, la gente mi amava. Poi mi sono infortunato e ho sbagliato a giocare con il dolore. Il mio livello di tensione era altissimo e lo pagavo con gli arbitri, con gli avversari e non solo. Non volevo parlare con nessuno fino a quando mia moglie mi ha detto: ‘Stai sbagliando, non è questa la strada giusta’. Io mi arrabbiavo e pensavo che anche lei fosse contro di me. I calciatori alla fine hanno gli stessi problemi di tutti. Forse di più, perché molte volte il denaro e la fama possono arrivare ad essere un problema“.

Premier League, Chelsea vs Arsenal

AFP/LaPresse

Ma non è tutto, Morata continua a battere sulla questione denaro:  “C‘è molta gente che pensa che la nostra vita sia invidiabile e che abbiamo più privilegi di altre persone, ma a volte i soldi ti possono portare problemi, quelli che ho avuto io. Persino con la tua stessa famiglia, e di questo la gente non si rende conto: il denaro ti aiuta, ovvio, però ti può togliere molte cose perché nell’ambito economico i calciatori spesso non hanno esperienze e con l’età che abbiamo dobbiamo anche pensare ad aiutare un amico che ha preso la decisione sbagliata nella sua vita; magari siamo noi a doverlo salvare, ma se poi lo hai lo fai una volta lo devi fare due, poi tre… E anche se tu i soldi li hai, sono brutte situazioni. Instagram, per esempio, mostra una falsa felicità, ci sono giorni in cui sei triste e metti un’immagine felice che davvero non riflette come ti senti in quel momento. Anche questo ci fa perdere valore, perché quello che conta sono i contratti pubblicitari… Poi ci sono i giorni liberi in cui magari vai a bere una birra perché sei giovane e perché vuoi fare così e ti ritrovi con 300 cellulari al tuo fianco con persone che vogliono una foto con te“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery