Quadcross e Sidecarcross delle Nazioni, Italia bella ma sfortunata in Danimarca

Gli atleti azzurri hanno messo in mostra buone prestazioni, chiudendo però al settimo e al dodicesimo posto le due competizioni

Sul fondo sabbioso della pista di Slagelse, in Danimarca, è andato in scena ieri il Quadcross e Sidecarcross delle Nazioni. L’Italia ha messo in mostra buone prestazioni condizionate però dalla sfortuna.

Nella prima manche dei Quad Patrick Turrini è rimasto bloccato in un canale mentre era 9° e ha chiuso 14°. Paolo Galizzi è partito bene ma è stato tamponato ed è finito fuori pista. Dopo una rimonta, ha terminato la heat 17°. In gara 2 Simone Mastronardi è passato 9° sotto la bandiera a scacchi, ma successivamente è stato penalizzato di 10 posizioni per essere transitato troppo velocemente in un punto in cui vigeva il regime di bandiere gialle. Si è così classificato 19°. 12°, invece, Paolo Galizzi. L’ultima manche ha regalato emozioni contrastanti: molto positive sia con Turrini – 2° dopo lo start e 6° al traguardo – che con Mastronardi – giunto fino al 4° posto – ma anche negative perché il romano si è toccato con un pilota in fase di salto ed è caduto chiudendo 12°. La Maglia Azzurra ha concluso il Trofeo al 7° posto mentre gli Stati Uniti hanno ottenuto il successo.

Tra i Sidecar, la coppia Compalati – Ravera ha subito dovuto dare forfait dopo l’infortunio occorso a quest’ultimo al polso destro. Gli equipaggi Walti – Pozzi e dei fratelli Lasagna hanno ben figurato. I primi hanno concluso le rispettive manche in 6° e 7° piazza; i secondi, alle prime esperienze sulla sabbia, in 18° e 14° posizione. La vittoria è andata all’Olanda; Italia dodicesima.

Nicola Montalbini, Commissario Tecnico FMI: “Ancora una volta è mancata un po’ di fortuna sia con i Quad che tra i Sidecar. In compenso possiamo essere soddisfatti delle prestazioni. Nel Quadcross delle Nazioni i giovani hanno dato conferma delle loro capacità, mentre Mastronardi ha messo in mostra il suo valore nonostante le difficoltà. Il risultato nella competizione riservata ai Sidecar è stato compromesso dall’assenza di Compalati – Ravera, ma tutti gli equipaggi azzurri si sono fatti valere. Sono convinto che se ci fossimo presentati al completo avremmo potuto lottare per la top 5”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery