Juventus, a tutto Paratici: “l’impatto di Bernardeschi, il colpo CR7 ed il ritorno di Pogba”

paratici LaPresse/Fabio Ferrari

Fabio Paratici è l’arma in più della Juventus, lavorando sotto traccia ha creato un super team assieme a Beppe Marotta

Fabio Paratici, direttore sportivo della Juventus, è uno degli artefici silenti dei successi bianconeri di questi ultimi anni. Lavora spesso sotto traccia all’ombra di Marotta, ma è la vera mente delle mosse di mercato juventine. Paratici ai microfoni de La Gazzetta dello Sport ha svelato alcuni retroscena della sua estate a tinte bianconere, partendo dal colpo Cristiano Ronaldo: “Mi hanno aiutato tutti, a dire il vero. Fondamentale è stato Agnelli che mi ha supportato dal primo all’ultimo minuto. Cristiano e Messi sono i migliori, ma il primo incarna perfettamente lo stile Juve, è un maniaco del dettaglio. Non ho mai pensato che la trattativa potesse saltare, anche perché lui è un campione e, quando mi ha detto di sì, sapevo che non avrebbe più cambiato idea. Ora che lui fa parte del nostro presente però, bisogna guardare oltre: serve migliorarsi ancora”.

Spada/LaPresse

Paratici crede molto nel talento di Bernardeschi e Dybala, pronti a prendere in mano la Juve: Bernardeschi? Credo che ne sentiremo parlare tanto, è un giocatore che può prendersi la scena a livello internazionale sia in bianconero che con la Nazionale. Allegri è fortissimo nel far esplodere i giovani, guardate Morata o Dybala. Paulo è uno che ha sempre fatto 20 gol a stagione, fondamentale per noi. Certo non si era scordato come si gioca: c’è chi guarda solo il gol, noi lo valutiamo anche per altro. E lui è sempre stato molto positivo”. Infine la chiosa su Pogba:di lui non parlo!”

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery