Nba – LeBron James non si sbilancia, la nuova avventura tra obiettivi e motivazioni: “non dobbiamo preoccuparci di Golden State”

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

/

La prima volta in giallo non si scorda mai: le parole di LeBron James con la casacca dei Lakers nel media day

E’ LeBron James la star assoluta dei media day: per la prima volta il cestista statunitense si mostra ufficialmente di giallo vestito. Detto addio alla casacca dei Cavs, LeBron James inizia la sua nuova avventura ai Lakers con la maglia numero 23.

AFP/LaPresse

Un nuovo percorso che inizia con tanta consapevolezza e senza troppi sogni per LeBron James, che fa intendere di rimanere con i piedi ben saldi a terra e, nelle sue interviste, non parla della vittoria del titolo: “non credo che l’unico modo di avere successo sia vincere il titolo. Vince uno solo, ma puoi avere successo in tanti altri modi. Il mio obiettivo? Migliorare ogni singolo giorno. Non mi aspetto nulla di preciso, mi concentro su quello che posso dare e sono determinato ad inseguire l’eccellenza ogni singolo giorno. Siamo una squadra nuova, dobbiamo conoscerci e ci saranno momenti buoni e altri meno. Ma se continuiamo a lavorare, ad impegnarti e a voler diventare grandi tutto verrà di conseguenza. Puntare a battere i Warriors? Abbiamo tanta strada da fare per batterli. Non dobbiamo preoccuparci di Golden State ma concentrarci solamente su quello che dobbiamo migliorare sperando di farlo fino a diventare una squadra da titolo”, ha spiegato LeBron James.

Abbiamo tanti giocatori che possono fare tante cose diverse. Non vedo l’ora di capire come inserirmi e come possiamo migliorarci giocando insieme. Il primo allenamento per me sarà come il primo giorno di scuola: sei contento ma non sai bene cosa aspettarti”, ha continuato il 33enne prima di soffermarsi un’ultima volta sui motivi della sua scelta: “ho basato la mia decisione solo sui Lakers e su quello che era meglio per la mia famiglia. Il business? Quando giochi a basket al livello a cui lo faccio io il resto viene di conseguenza”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery