Balotelli nell’occhio del ciclone, Boniek ci va giù durissimo: “è 15 kg in sovrappeso, come si fa a mandarlo in campo”

Il presidente della Federcalcio polacca ha parlato della prestazione di Balotelli contro la Polonia, attaccandolo duramente

Non si può mandare in campo un giocatore che è 15 chili in sovrappeso…“. Così l’ex attaccante di Juve e Roma, attualmente presidente della Federcalcio polacca, Zibì Boniek, sulla partita tra Italia e Polonia e sulle condizioni di Mario Balotelli.

balotelli

AFP/LaPresse

Ho parlato direttamente con Sacchi dopo la partita e abbiamo concordato sul fatto che Balotelli non era preparato per questa partita. Sacchi ha usato il termine ‘intelligenza’, ma riferendosi a quella calcistica, al campo, a come ci si muove in campo a come si dialoga con la squadra. Condivido il suo parere sull’intelligenza in campo“, ha proseguito Boniek sulle parole di Arrigo Sacchi.Dal punto di vista fisico non era preparato per una partita così – ha aggiunto Boniek ai microfoni di Radio Anch’ Io lo Sport – mi dispiace per Mario, ma l’ho visto impreparato per certi sforzi, quindi è colpa sua se non è pronto, non può stare in queste condizioni in una gara così“, ha proseguito il numero uno della Federcalcio polacca che poi non si è detto del tutto felice per l’1-1 della sua Polonia con gli azzurri. “Non siamo del tutto soddisfatti, potevamo fare il 2-0 poi è arrivato questo rigore, ma meglio due feriti che un morto, visto che ho tanti amici in Italia. E’ un risultato che apre la strada a tutte e due in questa competizione e andiamo avanti. Deluso dall’Italia? Io vorrei avere una nazionale come quella italiana, con tanti giocatori bravi e forti, ma rendono il 50-60% di quello che rendono dei club. Il rigore? Non so se ai miei tempi sarebbe stato concesso, ma forse con le regole di oggi è rigore“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery