Italia ko in Portogallo! Serve tempo per maturare, ma Mancini costruisca certezze: il problema non era Balotelli?

Fabio Ferrari/LaPresse

L’Italia ko a Lisbona: il Portogallo manda al tappeto gli azzurri di Mancini per 1-0 nel secondo match della Nations League

La nuova Italia di Mancini è tornata in campo questa sera, dopo il pareggio di venerdì contro la Polonia, per la seconda sfida di Nations League, la nuova competizione per Nazionali Europee che regala i pass per gli Europei di calcio.

Fabio Ferrari/LaPresse

Al Da Luz di Lisbona l’Italia non è riuscita ad avere la meglio su un Portogallo tosto nonostante l’assenza di Cristiano Ronaldo. La nuova Italia di Mancini, che ha deciso di prediligere giocatori di qualità e giovani, lasciando a casa nomi importanti, non è riuscita a reagire nel modo giusto ai Campioni d’Europa, portando a casa un’amara sconfitta per 1-0. Qualche errore di troppo sulla trequarti ha permesso al Portogallo di trionfare davanti al suo pubblico, grazie alla rete di Andrè Silva al 47′, che ha segnato al suo ex compagno di squadra Donnarumma. Un bel riscatto per il giovane calciatore che in Italia, al Milan, non ha avuto forse abbastanza spazio e avrebbe meritato un’altra chance prima di essere ceduto al Siviglia.

Fabio Ferrari/LaPresse

Il dopo Ventura non regala ancora le soddisfazioni desiderate all’Italia, ma ci vuole tempo per maturare. Mancini ha deciso di dare spazio ai giovani, una scelta importante e coraggiosa, con pro e contro: fa onore al ct della Nazionale Italiana puntare sulle nuove leve, sicuramente motivatissime e talentuose, Mancini però deve ancora smussare alcuni lati, come l’inesperienza e la difficoltà ad incidere in match importanti, in particolar modo ad alti livelli.

Oggi in campo, inoltre, il ct azzurro ha deciso di fare turnover, sia per questioni di riposo che per provare nuove soluzioni tattiche. Una sconfitta dunque che poteva essere preventivata, ma Mancini deve anche insistere su alcune certezze, puntare su alcuni giocatori titolari per creare un’amalgama forte e importante. Variando spesso il Ct italiano potrebbe creare confusione tra i suoi giocatori.

mario balotelli

Foto Spada – LaPresse

Impossibile poi non menzionare Mario Balotelli: l’attaccante italiano ha osservato dalla tribuna il match di questa sera al Da Luz a causa di un infortunio. Adesso, tutti coloro che addossavano sulle spalle di Super Mario le colpe del flop italiano cosa diranno? Oggi, in campo, i suoi compagni di squadra non sono riusciti a produrre nulla di che, con qualche segnale positivo solo da Zaza e Chiesa. La debacle di oggi è la dimostrazione che la fase offensiva va interpretata a livello corale, con tutti i giocatori in campo: partendo dalla difesa, sviluppandola attraverso il centrocampo e poi finalizzandola con l’attacco. Se l’Italia non riesce a fare gol nessun attaccante, probabilmente è perchè i centravanti non sono messi in condizione di segnare, e non perchè la colpa è del ‘Balotelli’ di turno, come anche di Immobile, Zaza o Belotti.

Adesso l’Italia deve rimboccarsi le maniche per i due ritorni, per sperare di non chiudere la sua avventura in Nations League al terzo posto nel girone perchè rischierebbe la retrocessione. Continua comunque la striscia negativa dell’Italia che non vince ormai da quasi un anno, dallo scorso ottobre 2017.

 

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery