MotoGp, sorprendente proposta di Valentino Rossi: il Dottore chiede una rivoluzione del personale!

valentino rossi yamaha Alessandro La Rocca/LaPresse

Secondo il pilota pesarese la Yamaha dovrebbe rivedere l’intero reparto corse, cambiandolo radicalmente come avvenuto nel 2004

Una situazione non più sostenibile, un deficit tecnico che obbliga la Yamaha ad intervenire nel minor tempo possibile. La distanza con Honda e Ducati è divenuta ormai siderale, uno scenario apocalittico che spinge anche Valentino Rossi ad alzare la voce.

valentino rossi

Alessandro La Rocca/LaPresse

Non nei toni sia chiaro, bensì nei contenuti dei suoi discorsi alla squadra, rassegnatasi ormai a questa situazione di stallo. Il week-end di Aragon ha aumentato la preoccupazione del pesarese che, come rimedio a questa situazione, ha paventato soluzioni drastiche: “c’è una similitudine rispetto a quando arrivai nel 2004 – le parole di Valentino Rossi riportate dalla Gazzetta dello Sport – presero me, ero il pilota più veloce, ma non solo. Masao Furusawa (d.t. Yamaha; n.d.r.) fece un programma per cambiare radicalmente il reparto corse, ci furono svolte profonde anche nel personale in fabbrica, ai primi test provai tre motori, due alberi motore e tanto altro. Per venire fuori da questa situazione bisogna fare lo stesso. Non credo che il problema siano i piloti. Preoccupa che a Brno di solito provavamo già la moto della stagione successiva e ora sono due anni che non succede. Dove è la moto del prossimo anno? Boh. Provate a chiederlo ai giapponesi. Abbiamo toccato il record di 23 gare senza vittoria, spero che questo serva per loro. Magari qualcuno vedrà il numero e si chiederà perché“.

Valuta questo articolo

4.3/5 da 4 voti.
Please wait...


FotoGallery