MotoGp, Miller fiducioso: “spero di lottare per le posizioni di vertice in gara. Elemento chiave? Le gomme”

miller Foto Alessandro La Rocca/LaPresse

Il pilota australiano ha analizzato il secondo posto ottenuto nelle qualifiche del Gp di Misano, svelando di aver commesso anche un piccolo errore

E’ di Jorge Lorenzo la pole position del Gp di San Marino in MotoGp. Lo spagnolo della Ducati gira in 1’31″629 precedendo l’australiano Jack Miller (1’31″916) con la Ducati del team Pramac e il connazionale Maverick Vinales (1’31″950) con la Yamaha M1.

AFP/LaPresse

Soddisfatto della propria prestazione Jack Ass, anche se si sarebbe aspettato qualcosina in più: “sono contentissimo, anche se non è stato un giro perfetto perchè ho commesso un piccolo errore alla fine del primo settore” le parole di Miller a Sky Sport MotoGp. “Ho spinto nel giro successivo ma le gomme son calate parecchio, tuttavia sono molto contento. Abbiamo un buon passo, penso di poter fare bene anche domani in gara. Incrocio le dita e spero di raggiungere un risultato positivo. La scelta delle gomme e la loro durata sarà molto importante, devo provare ancora un po’ le medie, devo cercare di gestirle meglio in modo per rendere la scelta più chiara. Jorge spingerà forte, ma dovrà anche risparmiare le gomme. Cercherò di non commettere errori, penso che faremo un bel lavoro ma dovremo regolare bene l’elettronica“.

LaPresse/AFP

Miller poi sottolinea di essersi sorpreso anche lui del secondo posto: “credo che questa pole sia stata una sorpresa per tutti, anche per me. Mi sentivo bene, forse ho spinto troppo alla fine delle FP1 e ho perso l’anteriore alla curva 1. Non riuscivo a portare le gomme in temperatura e sono caduto, ma sapevo di avere una buona velocità, ho dovuto stringere i denti oggi per la q2. Sono molto contento, abbiamo avuto un buon passo sia con le soft che con le medie, mi aspetto una gara lunga e calda, spero di giocarmela con gli altri piloti. La Curva 11? E’ una curva molto veloce, ma onestamente mi son preso un paio di spaventi in cui ha ballato l’anteriore. Devi gestire il gas per creare un piccolo pattinamento, togliendo pericoli all’anteriore. Quando sei lì non pensi a cosa succede intorno, ma solo a quello che stai facendo. Fatico sempre sulle piste in cui siamo stati di recente, in Austria mi è capitato di bruciare la gomma anteriore per esempio. Quando tocco il punto più basso, da lì poi mi riprendo sempre. Quest’anno molte moto son salite di livello, io non ho la stessa stabilità delle Ducati nuove ma sono stato sorpreso dalla velocità. Riesco a gestire bene l’elettronica, questo mi ha aiutato. Il mio obiettivo è il podio, però come detto le FP4 sono andate bene e credo che io, Marc e Dovi siamo stati gli unici ad usare le gomme usate. Il passo garaà molto buono, la gara sarà dura e calda e se seguiremo da vicino le moto che ci precedono la temperatura si alzerà troppo. Valuteremo domani, cercherò di stare il più possibile con i top“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery