Marquez, il caso Fenati a la gara di Aragon – Lo spagnolo cerca di placare gli animi: “azione grave, ma non esageriamo”

marc marquez AFP/LaPresse

Marc Marquez in conferenza stampa ad Aragon: lo spagnolo pronto e motivato per la gara di casa, tra rivali tosti e inaugurazioni speciali

Un weekend di gara iniziato subito con un carico di emozioni importante, per Marc Marquez: lo spagnolo ha infatti partecipato all’inaugurazione della curva a lui intitolata sul circuito di Motorland. Il Gp di Aragon dunque inizia col sorriso per lo spagnolo della Honda, leader della classifica piloti, con 67 punti di vantaggio sul secondo classificato, Andrea Dovizioso.

marc marquez

Alessandro La Rocca/LaPresse

Ovviamente è stato un gran weekend per noi a Misano, abbiamo concluso al secondo posto con 20 punti e poi abbiamo fatto un buon test lunedì sempre lì e oggi abbiamo iniziato bene il weekend del Gp di Aragon con una curva che è stata intitolata al mio nome. Non mi aspettavo una cosa di questo tipo ma vediamo, sicuramente sarà una bella sensazione passare su quella curva per la prima volta, ma mi devo concentrare sul weekend di gara, un altro weekend, un Gp di casa un circuito che mi piace ma passo dopo passo dobbiamo vedere quale sarà il nostro livello“, ha esordito in conferenza stampa.

marc marquez

AFP/LaPresse

Stiamo vivendo una grandissima stagione, dobbiamo continuare su questa falsa riga non dobbiamo essere nervosi o precipitosi, sarebbe bello vincere domenica ma se non sarà possibile dobbiamo cercare di concludere la gara sul podio, vedremo yamaha e ducati hanno fatto un test qui quindi partiranno da una buona base, vedremo“, ha aggiunto Marquez che dunque non vuole pensare alla vittoria matematica che potrebbe conquistare già in Thailandia, se ad Aragon riuscirà a far bene.

marc marquez

AFP/LaPresse

Il leader della classifica piloti ha poi ammesso di ‘temere’ maggiormente Andrea Dovizioso, rispetto a Jorge Lorenzo: “è molto difficile rispondere, ora direi andrea perchè è più vicino in campionato, ma dal punto di vista della pura velocità sono molto veloci entrambi, dovi era più veloce a Misano, ma Jorge era molto veloce nell’ultima parte della gara. Sono su un livello paritario e questo è quello che rende entrambi molto veloci perchè vogliono affermarsi come miglior pilota all’interno del loro team e questa competizione interna li rende entrambi veloci“.

marc marquez

AFP/LaPresse

Marquez ha poi spiegato perchè apprezza particolarmente il circuito spagnolo: “innanzitutto mi piace questa pista perchè ci sono tante curve a sinistra e perchè ci sono tanti cambi di elevazione, diversi tipi di curva, è difficile trovare un buon assetto, mi piace particolarmente, anche perchè è un Gp di casa, ma anche questa salita-discesa perchè seguono il tracciato naturale del luogo“.

marc marquez

AFP/LaPresse

Mentre sul caso Fenati ha concluso: “per me l’azione è stata brutta e si è meritato una penalità severa, credevo che 2 gare non fossero abbastanza severe, ma non sono d’accordo su tutto il caos mediatico, se n’è parlato anche nei notiziari in Spagna, si è parlato troppo di lui ogni giorno, in passato è successo qualcosa di simile, ma anche 2 3 anni fa è successo qualcosa di simili con piloti diversi. Sono cose che devono essere penalizzate severamente ma il caos mediatico è stato eccessivo per lui, sembrava avesse ucciso qualcuno e non è il caso, è stata un’azione grave ma non esageriamo”. 

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery