MotoGp – Dovizioso racconta le sue qualifiche ad Aragon: “stavo per cadere, ma poi ci ho creduto”

dovizioso AFP/LaPresse

Andrea Dovizioso commenta le qualifiche appena concluse sul circuito di Aragon: ecco le impressioni del pilota della Ducati

Sul circuito di Aragon, Jorge Lorenzo strappa la pole position dettando legge in qualifica in Spagna davanti ai suoi tifosi. Segue al pilota della Ducati il suo compagno di box Andrea Dovizioso, seguito da Marc Marquez. Male Valentino Rossi, che in vista del quattordicesimo appuntamento del campionato mondiale di MotoGp in programma domani, si è accaparrato solo la 14ª casella in griglia. Appena dopo la fine delle qualifiche a parlare ai microfoni di Sky MotoGp è stato anche Andrea Dovizioso.

Dovizioso

Costanza Benvenuti/LaPresse

Il pilota della Ducati ha detto: “in realtà prima della qualifica sapevo di essere veloce, ma poi dopo che ho segnato al primo giro il primo tempo ho detto ‘possiamo fare la pole’. Sapevo infatti già in quali punti della pista avrei potuto migliorare, rispetto all’altro giro. Il problema è stato che siamo entrati tutti insieme e non c’era soluzione. Bautista ha fatto un giro imperfetto e ho trovato a sorpassarlo, ma stavo cadendo. Quando hai queste sensazioni sai che potevi fare meglio. Nel turno 4 abbiamo fatto la differenza. Il consumo gomme qui farà la differenza”.

“Io, Jorge e Marquez siamo più veloci, – ha continuato Doviziosodietro ci sono le due Suzuki, Crutchlow, Petrucci. Siamo forti. Non si può sapere se correrò contro Marc o contro Jorge, si vedrà in gara. Quello che potevamo fare era andare veloci e lo abbiamo fatto. Facciamo lavori non nello specifico per la gomma, non puoi prevedere cosa succederà nella gara quando arrivi al 16° giro. Non puoi sapere come si comporterà il pneumatico, in gara devi essere bravo prima a sapertela gestire”. 

In conferenza stampa poi Andrea ha detto: “purtroppo è stato impossibile creare una situazione migliore a causa dei troppi piloti che c’erano in pista. Ho cercato di trovare una finestra, non volevo spingere perchè la gomma non era al 100%, poi ho rallentato e quindi è stato difficile perchè ero in seconda fila. Ho trovato una buona finestra, ma avanti a me c’era Alvaro (Bautista, ndr) e ho dovuto superarlo alla curva 12 e son quasi caduto perdendo un po’ di tempo. Sono contento delle sensazioni avute in moto al di là delle qualifiche. Sono contento perchè durante le prove siamo migliorati non nella velocità, ma nel modo di salvaguardare le gomme e questo farà la differenza. Potrebbe fare molto caldo e la strategia potrebbe fare la differenza domani”.

AFP/LaPresse

“Mi sarebbe piaciuto avere un giro pulito, credo che oggi sia stata una situazione al limite del regolamento. – ha detto ancora Desmosdovi –  Sarebbe stato meglio avere qualche regola a riguardo, però mettendomi nella posizione di chi deve farla penso sia davvero difficile. Brutto che si sia verificato, ma non è così grave da penalizzare qualcuno”.

Se penso al 2013 c’è una grossa differenza, abbiamo faticato e siamo cresciuti. Eravamo lontani e dovevamo capire che dovevamo cambiare. Questo è successo e siamo contati dei cambiamenti e sono fiero di far parte di questo progetto. Sono arrivato alla Ducati un anno prima di Gigi (Dall’Igna, ndr) e quindi sono fiero di questo. Faccio parte di un gruppo forte che ha faticato ed ora si trova in questa posizione sono davvero contento“, ha concluso Dovizioso.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery