Mondiali ciclismo 2018 – Piccolo d’argento ad Innsbruck: la gioia dell’azzurro e del suo tecnico

mondiali ciclismo juniores cronometro individuale

Le parole di Andrea Piccolo e del suo allenatore dopo il bronzo di oggi nella cronometro individuale dei Mondiali di ciclismo 2018 di Innsbruck

La seconda medaglia per l’Italia ai Mondiali di ciclismo di Innsbruck, dopo l’argento di Camilla Alessio (Crono Donne Juiores), ha il volto serio e compassato di Andrea Piccolo, 17 anni (il 23 marzo) di Magenta, dove frequenta il quarto anno dell’Istituto professionale. Grazie ad una crono maiuscola è riuscito a salire su un podio che, visti gli atleti (e i Paesi) presenti, si può definire regale, conquistando uno splendido bronzo.

“Ho capito che avrei potuto fare una grande gara quando mi hanno comunicato l’intertempo: 10” dal primo.. (in quel momento l’australiano Plapp, ndr). Mi sentivo ancora bene, avevamo programmato di dare il massimo nella seconda parte di gara e le gambe giravano; allora ho spinto” – dice l’azzurro.

Per Rino De Candido e il suo gruppo juniores si tratta della seconda medaglia consùecutiva, dopo l’argento nel 2017 a Bergen di Antonio Puppio. Il tecnico azzurro non nasconde la propria soddisfazione: “Soddisfatto è dire poco: Andrea è al suo primo anno, ha fatto una crono eccezionale. Non posso fare altro che complimentarmi.”

Sicuramente meno fortunata la prova di Samuele Manfredi, che chiude al 32° posto a 3’46” dal vincitore: “Speravo di fare una gara diversa invece non ho trovato il feeling con il tracciato, che è risultato veramente impegnativo. Nella seconda parte mi sono mancate le gambe ed ho pagato anche alcuni tratti di vento contrario.”

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery