Basket, Sacchetti torna a parlare: il Mondiale vicino ed i casi Belinelli e Gallinari

sacchetti Lapresse/Omar Abd el Naser

Meo Sacchetti, CT della Nazionale italiana di basket, ha parlato del cammino degli azzurri dopo le vittorie con Polonia ed Ungheria

Il coach della Nazionale italiana di basket, Meo Sacchetti, è tornato a parlare a pochi giorni di distanza dai successi contro Ungheria e Polonia che hanno avvicinato gli azzurri alla qualificazione ai prossimi Mondiali. Sacchetti, parlando alla Gazzetta dello sport, ha analizzato il cammino azzurro stuzzicato anche sull’assenza di Belinelli e Gallinari: “Volete per forza tirarmi in ballo, stavolta non ci casco. Non ci siamo qualificati per il Mondiale, anche se ci siamo molto vicini. Quando accadrà, andrò a parlare con Petrucci: il rapporto con lui è super. Mi ha sempre detto che lui non è mai intervenuto nelle scelte del c.t., ma ribadisco che si è creato un polverone inutile perché ci sarà tempo per discutere di tutto“.

Auxilium Torino vs Germani Brescia - Basket Final Eight - Finale

Richard Morgano/LaPresse

Il coach si è detto contento delle due vittorie ottenute: “Molto, siamo stati assieme 25 giorni e devo dire che ho avuto la fortuna di guidare un bel gruppo. Il mio compito è fare delle scelte e quindi ci sarà sempre chi giocherà di più e chi meno. Ma si può essere protagonisti anche in pochi minuti. Prendete Filloy: quella sua tripla ha avuto un’importanza clamorosa. Meglio fare tre punti ed essere decisivi che farne 30 e perdere. Ho avuto ottime risposte da tutti. E mi ha fatto piacere vedere l’attaccamento dei due esclusi Burns e Tonut: il primo ha giocato una buona prima parte delle qualificazioni, mentre Stefano gioca in un ruolo dove la concorrenza è davvero molto alta“. Infine un commento sull’allenare il proprio figlio in Nazionale: “è solo uno dei ragazzi. Mai gli ho chiesto, e mai lo farò, qualcosa del gruppo, idem lui mai si è sognato di riportarmi qualcosa proveniente dallo spogliatoio. È sempre stato così, bisogna sempre saper scindere i due ruoli. E anche i ragazzi hanno capito bene la situazione“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery