Clima teso tra Juventus e Lega Serie A: continua la diatriba sui tappetini pubblicitari virtuali

Spada/LaPresse

Continua il braccio di ferro tra Juventus e Lega Serie A per i tappetini pubblicitari virtuali

Continua la il braccio di ferro tra la Juventus e la Lega Serie A per la gestione dei tappetini pubblicitari virtuali vicino alle porte. Oggi la sensazione prima di entrare in Assemblea di Lega, tra l’altro tesa per il tema governance federale, a quanto si apprende, è che la Juve non retrocederà dalla sua posizione, con gli altri club infuriati. Nel corso della partita di cartello contro la Lazio all’Allianz Stadium, la Juventus aveva deciso di utilizzare i tappetini con la semplice scritta ‘Juventus’. Una prova di forza con la quale il club bianconero aveva ribadito che reputa quello spazio di sua pertinenza.

Mentre dopo alcuni incontri tra Lega, Juventus e Tim il tappetino nazionale, quindi la sponsorizzazione di Tim dovrebbe essere salva, la commercializzazione internazionale assegnata regolarmente alla multinazionale ISG, potrebbe invece rischiare di saltare, per questa richiesta della Juventus di commercializzare autonomamente, fuori dai confini nazionali, il segnale da trasmettere sui tappetini virtuali, con gravi conseguenze in termini di mancati ricavi e danni economici per la Lega. Peraltro i suddetti tappetini virtuali sono posizionati al momento nell’area di destinazione che risulterebbe essere di competenza dell’organizzatore della competizione cioè la Lega Serie A.

Tra l’altro la Isg, a firma di Simon Burgess, Executive Chairman, ha inviato una lettera alla Lega ricordando che l’accordo era stato “confermato tramite accettazione via pec alla nostra offerta in data 2 agosto 2018”. “Siamo quindi sconcertati che tale accordo venga ora messo in discussione, nel caso questo venga confermato provvederemo a
tutelare i nostri interessi in tutte le opportune sedi“, si legge nella lettera visionata dall’Adnkronos. La stessa Isg segnala alla Lega che le risulta che “nell’ultima settimana il Club Juventus o suoi agenti abbiano approcciato almeno uno o due nostri clienti per offrire i loro tappeti, clienti con i quali eravamo nella fasi finali di trattativa“.

ISG è orgogliosa di poter lavorare con un’Istituzione internazionale rispettabile come Lega Serie A e tutti i suoi Club. Nonostante la sorpresa nel venire oggi a conoscenza di possibili problematiche, siamo confidenti che la Lega rispetterà i suoi obblighi contrattuali e siamo fiduciosi che una conclusione positiva possa essere raggiunta“, ha detto Simon Burgess, Executive Chairman di ISG all’Adnkronos. (Riz/AdnKronos)

Valuta questo articolo

1.0/5 da 1 voto.
Please wait...


FotoGallery