“Non arrenderti”, Mir scrive a Fenati: la lettera dello spagnolo a Romano

joan mir romano fenati

Joan Mir scrive a Romano Fenati dopo quanto accaduto domenica in pista Misano: la lettera dello spagnolo

La carriera di Romano Fenati sembra terminata dopo quanto accaduto domenica scorsa al Gp di San Marino e della Riviera di Rimini. Il 22enne di Ascoli Piceno ha tirato la leva del freno del collega Stefano Manzi, mettendo seriamente a rischio le vite di entrambi i piloti.

Fenati è adesso rimasto a piedi: il team Snipers ha rescisso il contratto, mentre la Forward Racing ha comunicato che lo farà presto. Il giovane pilota ha chiesto ieri pubblicamente scusa con una lettera sul suo sito ufficiale, per poi rilasciare diverse interviste nelle quali mostra tutto il suo dispiacere, ma anche un pizzico di dissenso nei confronti del suo sport. “Potrei essere io a non voler tornare! Ricomincio a lavorare in ferramenta“, ha affermato. Intanto, il mondo delle due ruote commenta quanto accaduto: se Redding si è mostrato subito furioso, Joan Mir riesce ad essere più pacato. Lo spagnolo ha scritto una lettera sui social per Fenati:

Ciao Romano, nello scorso GP di Misano hai commesso un errore ingiustificabile mettendo a rischio la vita di un collega. Questa azione non è degna di un pilota come te, e come è giusto che sia ha meritato una dura punizione. L’anno scorso sei stato un grande rivale e mi hai portato al limite per tutta la stagione, abbiamo combattuto mille battaglie ma ti sei sempre comportato da grande pilota e sportivo in pista. Molte volte ci siamo ritrovati sul podio e ho potuto apprezzare la tua nobiltà sia nella vittoria sia nella sconfitta. Credo che tu sia una grande persona. Non arrenderti e lotta per il tuo futuro come pilota, tutti meritano una seconda e anche una terza possibilità. Lavora per correggere i tuoi impulsi che a volte ti tradiscono e ti fanno brutti scherzi e torna in pista da grande pilota quale tu sei. Ci sono altre mille battaglie da combattere

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery