Fifa, un freno in arrivo per il calciomercato: algoritmo per il prezzo dei calciatori, tetto dei prestiti e “luxury tax”

fifa LaPresse/Reuetes

La Fifa sta lavorando per limitare alcuni aspetti del calciomercato che non vanno come vorrebbe Infantino: diversi argomenti sul tavolo

La Fifa sta lavorando da tempo per porre un freno al calciomercato “impazzito” nelle ultime sessioni. Il presidente Gianni Infantino, ha dato mandato ad uno staff selezionato di coordinarsi col Cies per monitorare il calciomercato e capire le modifiche da apportare nelle prossime stagioni. I casi italiani di plusvalenze fittizie ed anche eventi di rilievo quali i trasferimenti di Neymar e Mbappè hanno messo una pulce nell’orecchio alla Fifa. L’idea di Infantino e del suo staff è quella di inserire un algoritmo che possa definire una fascia di prezzo per ogni calciatore dei campionati di tutto il mondo. In questa maniera la Fifa ritiene di poter limitare i prezzi gonfiati in maniera eccessiva, speculando spesso su tali costi. In caso di spese superiori a quanto dica l’algoritmo in questione, è prevista una Luxury Tax da pagare proprio alla Fifa creando un fondo di solidarietà che verrebbe rimpolpato proprio da queste multe.

AFP/LaPresse

Ma non è finita, Infantino si appresta a mettere in atto un’altra rivoluzione, quella relativa ai prestiti. In Serie A se ne abusa e questo è un fatto noto, adesso la querelle potrebbe cessare. L’ipotesi è quella di mettere un tetto che potrebbe essere fissato ad 8 calciatori mandati in prestito per ogni club, la Juventus al momento ne ha 26, giusto per dare alcuni numeri di riferimento. Infine la Fifa vuole anche limitare lo strapotere degli agenti, anche qui si aprirà a breve un nuovo capitolo, con normative che potrebbero entrare in atto ben presto.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery