Atletica – Campionati Assoluti, Jacobs ed Herrera monopolizzano i 100 metri

Marcell Jacobs foto Colombo/FIDAL

Ai Campionati Italiani Assoluti di Pescara i 100 metri nel segno di Marcell Jacobs e Johanelis Herrera

Le finali dei 100 metri catalizzano puntualmente l’attenzione della seconda giornata dei Campionati Italiani Assoluti di Pescara. Sul nuovo rettilineo azzurro dello Stadio Adriatico sfreccia alla vittoria il favorito Marcell Jacobs (Fiamme Oro) che con 10.24 (+0.1) ha la meglio su Roberto Rigali (Brixia Atletica 2014) e sul forte duecentista Fausto Desalu (Fiamme Gialle). Il cronometro dice 10.33 per entrambi, ma il fotofinish decreta il secondo posto di Rigali con Desalu comunque soddisfatto per i 5 centesimi limati al personale. L’occhio elettronico della telecamera è decisivo anche per decifrare l’arrivo della gara femminile in cui Johanelis Herrera (Atl. Brescia 1950 ISPA Group) la spunta di un soffio sulla leader stagionale Irene Siragusa (Esercito), ma il tempo è lo stesso per le due velociste. Terza finisce la pisana Anna Bongiorni (Carabinieri) in 11.62. I 400 metri incoronano, invece, una Raphaela Lukudo (Esercito) sempre più sicura dei propri mezzi e che coglie l’occasione del suo finale di stagione per migliorarsi a 52.38. Al maschile Davide Re (Fiamme Gialle) non smentisce il pronostico: a Pescara oggi è l’unico atleta sotto i 46 secondi (45.92).

Sul doppio giro di pista la novità Enrico Brazzale (Atl. Vicentina) centra il colpaccio e dopo aver scalato il ranking nazionale 2018 (1:46.93), si toglie pure la soddisfazione del suo primo titolo assoluto, conquistato con 1:49.64 in volata. 23 anni, veneto, il mezzofondista è iscritto alla facoltà di giurisprudenza e studia pianoforte con il pallino per Bach. Tra le ottocentiste successo e PB per la trentina Irene Baldessari (Esercito), 2:02.47. Notevole prestazione per Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre) nei 5000 metri: la trentina figlia d’arte, alla sua seconda esperienza su questa distanza, taglia il traguardo in 16:15.30. E’ la prima atleta classe 2000 a vincere un titolo assoluto e grazie a questo risultato sale al quarto posto delle liste italiane under 20 alltime, migliore 18enne di sempre con oltre venti secondi di personale. Sugli ostacoli si fanno valere la ligure Luminosa Bogliolo (CUS Genova) in 13.21 (+0.4) e il lombardo, campione uscente, Lorenzo Perini (Aeronautica) 13.57 (+0.4). Concluse le fatiche degli specialisti delle prove multiple con le affermazioni di Luca Di Tizio (atleta di origini svizzere, ma con radici abruzzesi) nel decathlon (7240 punti) e di Sveva Gerevini (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) che conferma il titolo della passata stagione con 5322 punti nell’eptathlon.

Passando ai concorsi, nel lungo atterrano più lontano di tutti l’argento europeo U23 Filippo Randazzo (Fiamme Gialle), 7,76 (0.0) dopo una stagione segnata dagli infortuni, e la veneta Laura Strati (Atl. Vicentna) con 6,41 (+1.0). Nella lunga sfida dell’asta, 5,50 vincente di Claudio Stecchi (Fiamme Gialle) che poi tenta senza fortuna i 5,65. L’ennesimo match tra i pesisti Sebastiano Bianchetti e Leonardo Fabbri si chiude per 19,39 a 19,28 in favore del reatino delle Fiamme Oro. La discobola Valentina Aniballi (Esercito) sorprende tutte con 56,80 all’ultimo lancio, soltanto quarta l’azzurra Daisy Osakue (Sisport, 55,18) al termine di un 2018 che l’ha portata al quinto posto agli Europei di Berlino. Nel giavellotto, quarto centro tricolore per il veneto Mauro Fraresso (Fiamme Gialle) con una spallata da 76,16.

DOMANI TAMBERI, VALLORTIGARA E DONATO – Domani la terza e conclusiva giornata della rassegna tricolore con in gara i big azzurri Gianmarco Tamberi ed Elena Vallortigara nell’alto, oltre al capitano Fabrizio Donato nel triplo e il suo allievo Andrew Howe nei 200 metri. Da assegnare altri 19 titoli e la Coppa Italia che al momento vede al comando gli uomini delle Fiamme Gialle e le donne dell’Esercito.

 

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery