Roma, l’agente di Malcom allo scoperto: “è stata una ripicca, Monchi si è comportato male”

Malcom Lapresse/Fabio Rossi

Malcom ha snobbato la Roma firmando per il Barcellona nonostante un accordo di massima con i giallorossi: parla l’agente

Leonardo Cornacini, agente di Malcom intervistato da Tmw, ha spiegato il clamoroso epilogo del caso che ha coinvolto la Roma. Il calciatore era ad un passo prima della virata che lo ha portato a Barcellona: “La verità è che abbiamo deciso di non portare Malcom in giallorosso perché la Roma non si è comportata bene con noi. Stavamo lavorando all’operazione Fuzato. Che è un nostro calciatore. Poi la Roma l’ha fatta chiudere ad un altro agente, contro il quale, è bene precisarlo, non abbiamo nulla”.

Si tratta dunque di una ripicca bella e buona. “Sì. Esatto. Dispiace dirlo, ma è così. La Roma si era comportata male con noi dieci giorni prima con l’affare Fuzato. E abbiamo ricambiato con lo stesso comportamento. Visto l’atteggiamento assunto nei nostri confronti abbiamo deciso, insieme a Malcom, che la destinazione migliore non fosse quella giallorossa. E poi sempre nello stesso affare Malcom, Monchi aveva coinvolto altri intermediari. Oggi comunque Malcom è felice di essere un nuovo rinforzo del Barcellona”.



FotoGallery