Quirinale: arbitro ma non notaio, Mattarella al ‘mid term’/Adnkronos (6)

(AdnKronos) – “Sono gli eredi di coloro che, a rischio della vita, valicavano il Muro di Berlino; dei cittadini che, sfidando i campi minati, cercavano di transitare dall’Ungheria in Austria. Il mondo è in movimento, sulle gambe di milioni di donne, uomini, bambini, spesso vittime di crudeli trafficanti di esseri umani: è un esercito inerme, che marcia alla ricerca della propria salvezza. Cosa possiamo opporre alle loro ragioni? Non sono loro, che fuggono dalla violenza e dalla morte, il nostro nemico!”
Una vicenda che richiama le grandi lezioni della storia, da tenere sempre a mente di fronte al riemergere di episodi che sembravano consegnati per sempre al passato. Non è casuale, quindi, che poche ore dopo la sua elezione, Mattarella si rechi a rendere omaggio al Mausoleo delle Fosse Ardeatine. “Focolai di odio, di intolleranza, di razzismo, di antisemitismo -avverte il Capo dello Stato celebrando il Giorno della memoria nel gennaio 2018- sono presenti nelle nostre società e in tante parti del mondo. Non vanno accreditati di un peso maggiore di quel che hanno: il nostro Paese, e l’Unione europea, hanno gli anticorpi necessari per combatterli; ma sarebbe un errore capitale minimizzarne la pericolosità”.
A fare da contraltare ci sono per l’appunto anche tante storie di solidarietà, generosità e dedizione al bene comune, che il Presidente intende far uscire dall’anonimato, portando ogni anno alla ribalta alcuni di questi eroi della quotidianità, insigniti con le onorificenze al merito della Repubblica.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery