L’atipica paternità di Cristiano Ronaldo fa storcere il naso a Vladimir Luxuria: “consiglio ai gay la carriera del calcio”

vladimir luxuria cristiano ronaldo

Cristiano Ronaldo e la sua paternità ‘anomala’, il giudizio di Vladimir Luxuria a riguardo è una stoccata all’ipocrisia italiota

Cristiano Ronaldo è da martedì un calciatore della Juventus. Se da una parte i tifosi bianconeri si crogiolano con il nuovo acquisto, dall’altra gli anti-juventini criticano CR7. Dopo le ammissioni shock di Daniela Martani sullo stipendio del portoghese (vedi qui), arriva anche un’altra stoccata a Cristiano Ronaldo da parte di un altro personaggio totalmente estraneo al calcio, ossia Vladimir Luxuria. La politica italiana ha sottolineato come la paternità del calciatore sia accettata, a differenza che in altri casi, nonostante i primi tre figli dell’attaccante siano nati da madre surrogata.

Solo se sei un calciatore forte puoi aver fatto ricorso alla maternità surrogata ed essere tollerato. – ha scritto Luxuria su Facebook – Consiglio ai gay la carriera del calcio”. Poi rispondendo ai tanti pareri collezionati sotto il suo commento, la 53enne foggiana ha ribadito: “la mia non è una critica a Cristiano che è sicuramente un buon padre ma alla ipocrisia italiota e pseudo-familista. Ma Adinolfi si straccia le vesti sulla omogenitorialita solo se il gay è di sinistra come Vendola o un cantante come Elton John? Se sei calciatore facciamo finta di nulla… dimenticavo Adinolfi è juventino… sapete due pesi..”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery