Mbappé-Modric, a Mosca si assegna il… Pallone d’Oro: cala il sipario sul duopolio Messi-Ronaldo

Lo stadio Luzhniki di Mosca non assegna solo la Coppa del Mondo ma anche il Pallone d’Oro, se lo contenderanno Luka Modric e Kylian Mbappé

Carta d’identità alla mano sembrerebbero due giocatori di epoche diverse, catapultati in un Mondiale che di sorprese ne ha regalate eccome. L’ombra del Cremlino sullo sfondo, il Luzhniki intorno a loro a creare l’atmosfera giusta per prendersi non solo la Coppa del Mondo, ma anche il… Pallone d’Oro.

AFP PHOTO / Kirill KUDRYAVTSEV

Luka Modric da un lato, Kylian Mbappé dall’altro. In mezzo due trofei che cambiano la carriera, due scintille che accendono una stella di primaria grandezza da far ombra a Messi e Cristiano Ronaldo, che la finale la guarderanno dalla tv di casa. Cala il sipario sul duopolio argentino-portoghese, i riflettori si spostano per far luce su una sfida che mette in palio la storia. La Croazia si gioca il primo Mondiale dalla nascita della propria Federazione, discorso diverso per la Francia che, all’ultimo atto, ci è arrivata spesso, vincendo l’ultima edizione giocata in casa. Correva il 1998, da quel momento lì la Coppa non ha più valicato le Alpi. Ci proverà Mbappé a riportarcela, puntando sul proprio talento e sulla propria velocità, armi che Deschamps proverà a sfruttare per rimettere a posto una Croazia affamata e sbarazzina, guidata da sua maestà Modric.

Foto LaPresse – Fabio Ferrari

Dopo la Champions, il numero 10 croato ha voglia di salire anche sul tetto del mondo. Da lì sarà più facile scorgere il luccichio di un Pallone d’Oro che, però, Mbappé vuole portarsi sull’aereo per Parigi, accanto a quella Coppa del Mondo che vale il passepartout per la storia.



FotoGallery