Lavoro: Confindustria Vicenza su dl Dignità, colpire le imprese è colpire il Paese

Vicenza, 12 lug. (AdnKronos) – “In Parlamento è necessario sostenere una diversa linea di politica economica, che parta dal presupposto che colpire le imprese significa colpire il Paese”. A seguito dell’approvazione in Consiglio dei Ministri del cosiddetto ‘Decreto dignità”, il presidente degli Industriali vicentini Luciano Vescovi ha scritto ai senatori e agli onorevoli della provincia di Vicenza che dovranno convertire il decreto in Parlamento dove ci sarà la possibilità, ed è questo l’auspicio e la richiesta del presidente, di apportare importanti modifiche.
‘Da tempo le nostre rilevazioni congiunturali rilevano che le aziende vicentine e venete stanno consolidando un importante trend di crescita, soprattutto sul fronte dell’export”, scrive Vescovi. ‘Lo stile di questo decreto ‘ continua – sembra reintrodurre una logica neo-dirigista basata sulla convinzione che a creare il lavoro non siano le imprese, ma le leggi e le regole. Una logica anacronistica che speravamo finalmente superata. Perché non può essere un decreto d’urgenza ad affrontare e risolvere temi e questioni che richiedono riflessione, confronto e disponibilità all’ascolto”. 
“Il risultato delle nuove norme, qualora non venissero riviste, non sarà quello di contrastare la precarietà (l’incidenza dei contratti a termine sul totale degli occupati, in Italia, è in linea con la media europea), ma quello di contrastare il lavoro. Non sarà tanto la Waterloo del precariato, come il decreto è stato definito, quanto la Caporetto del lavoro”, avverte. 



FotoGallery