Lavoro: Confindustria Vicenza su dl Dignità, colpire le imprese è colpire il Paese (2)

(AdnKronos) – (Adnkronos) – “Le aziende vedranno colpita la loro capacità competitiva, trovandosi sulla strada nuovi ostacoli proprio nel momento in cui la congiuntura sembra meno favorevole ed è quindi necessario accelerare in investimenti, innovazione, internazionalizzazione ed anche occupazione”, paventa Vescovi. 
Oltre agli aspetti più marcatamente giuslavoristici, Vescovi fa riferimento anche al contesto economico globale: ‘è pienamente condivisibile la volontà di colpire determinate situazioni che favoriscono la delocalizzazione, purché si agisca specificamente in questa direzione e non si torni a confondere delocalizzazione ed internazionalizzazione, penalizzando tutto il vasto mondo delle imprese che, specie nel nostro territorio, da decenni sono campioni dell’export e danno un contributo determinante alla crescita del nostro Paese”, sottolinea. 
“Le aziende vicentine sopravvissute alla crisi gravissima del 2009-2010 sono rimaste in Italia e in questi anni hanno investito moltissimo in innovazione e formazione, conoscendo oggi una nuova stagione di successi. Questo modello funziona perché in Veneto i nostri imprenditori sono profondamente legati ai propri collaboratori ed il contesto territoriale si è sempre dimostrato favorevole all’impresa ed alla libera iniziativa. Per rimanere competitive, proiettate all’export e di conseguenza per creare lavoro, le imprese hanno bisogno di tutto tranne che di un clima politico che le consideri con diffidenza”, prosegue Vescovi. 



FotoGallery