Hamsik spiega la scelta di restare al Napoli: “la Cina mi avrebbe cambiato la vita ma…”

Hamsik Marco Alpozzi/LaPresse

Marek Hamsik ha detto no ad una proposta altisonante pervenuta dalla Cina per restare a Napoli ad inseguire il sogno scudetto

“Ancelotti mi ha chiamato tante volte mentre ero in Slovacchia e mi ha detto che mi voleva in squadra. Sono contento di questo e anche di essere rimasto. Stiamo lavorando benissimo, sereni, e ieri abbiamo fatto una bella partita. Andare in Cina mi avrebbe cambiato la vita, non mi nascondo e ho detto che mi sarebbe piaciuto andare, ma sono felice di continuare a vestire questa maglia”. Il capitano del Napoli Marek Hamsik torna con queste parole sulla possibilità, poi sfumata, di andare a giocare in Cina. “Ancelotti mi ricorda, per la gestione personale, mister Reja -prosegue il 31enne slovacco ai microfoni di Sky Sport-. E’ una persona eccezionale e ci aiuterà a esprimere le nostre migliori qualità, non vediamo l’ora di giocare partite ufficiali. Il nuovo ruolo da regista mi piace, sapevo che prima o poi sarebbe arrivato il momento di giocare in quella zona del campo. Sono contento della nuova posizione”. (Tom/AdnKronos)



FotoGallery