Turismo: Venezia, a settembre a Bibione il G20 delle spiagge (3)

(AdnKronos) – ‘Un’iniziativa originale ‘ la definisce l’assessore al turismo della Regione del Veneto, Federico Caner ‘, grazie alla quale, forse per la prima volta nella storia del turismo balneare italiano, le principali località di questo settore in termini di presenze, avranno modo di confrontarsi su temi comuni che caratterizzano la gestione amministrativa dei territori costieri. I rappresentanti delle venti località sperimenteranno così un nuovo livello di coordinamento e di scambio di esperienze, ma potranno anche valutare la possibilità di aggregarsi, di cooperare, di fare massa critica per portare con più forza le proprie istanze in ambito nazionale”.
Il metodo di selezione utilizzato. Per individuare i 20 comuni partecipanti ci si è basati su un criterio quantitativo: il numero di presenze dei turisti negli esercizi ricettivi delle spiagge italiane. ‘Un parametro oggettivo, che fa riferimento ai dati Istat riferiti all’anno 2016 – spiega Adriana Miotto, responsabile per i contenuti scientifici G20s ‘ e che include le destinazioni che incentrano le loro presenze turistiche in modo esclusivo sul prodotto balneare”.
Per quanto riguarda invece la definizione delle tematiche sulle quale ci si confronterà ‘sono state individuate le principali sfide che si troveranno ad affrontare le destinazioni balneari nel prossimo futuro ‘ chiarisce Miotto ‘. Stiamo parlando infatti di località turistiche che hanno in comune problematiche legate alla gestione ambientale, all’alta densità turistica, alla necessità di destagionalizzare l’offerta, all’abusivismo commerciale, alla gestione della sicurezza delle spiagge, all’accessibilità e alla progettazione dei waterfront”.



FotoGallery