Supermarket Psg, il Fair Play Finanziario obbliga i parigini a vendere: le big italiane gongolano

Al Khelaifi AFP PHOTO / Philippe LOPEZ

Il Fair Play Finanziario obbliga il Paris Saint-Germain ad incassare 60 milioni entro fine mese, parte la caccia ai big dei parigini

Il Paris Saint-Germain è salvo, niente sanzioni dall’Uefa per il Fair Play Finanziario ma c’è una condizione da rispettare: incassare 60 milioni entro fine mese per evitare sanzioni tra un anno. Una notizia che ha scatenato le big italiane, che potrebbero lanciarsi sui gioielli in esubero della società parigina, costretta a monetizzare prima della fine di giugno.

LaPresse/Reuters

Sul mercato dunque finiscono pezzi pregiati come Di Maria e Pastore, oltre al portiere Kevin Trapp. Giocatori che possono far comodo alle big italiane, in cerca di riscatto in Europa. Vista l’impossibilità di arrivare ad Areola, il Napoli potrebbe puntare proprio sul compagno di squadra tedesco per sostituire Reina, passato al Milan in questa sessione estiva di mercato. Un profilo che potrebbe fare comodo ad Ancelotti, che si metterebbe in casa un estremo difensore con esperienza internazionale. Per quanto riguarda Di Maria, potrebbe farci un pensierino il Milan, solo però se riuscirà ad evitare le sanzioni dell’Uefa. Bastano 40 milioni per sfilare l’ex Real Madrid al Psg, potendo giocare comunque al ribasso sul cartellino, visto che va in scadenza il prossimo anno. Una decina di milioni potrebbero bastare invece per prendere Javier Pastore, accostato all’Inter negli scorsi mesi. Questa volta i nerazzurri potrebbero fare sul serio, regalando a Spalletti un giocatore capace di fare la differenza.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery