Pio e Amedeo prendono le difese del Foggia: “meritiamo rispetto”

pio e amedeo Instagram @pioeamedeo83

Pio e Amedeo sono scesi in campo in difesa del Foggia calcio, la squadra della città dei due comici, società che sta vivendo un momento complicato

Pio e Amedeo difendono il loro amato Foggia. I due comici foggiani doc, hanno scritto un lungo post social nel quale hanno preso le difese dei colori rossoneri. Chi ha sbagliato paghi, è il mantra di Pio e Amedeo, ma il Foggia merita rispetto: “Premesso che chi ha sbagliato è giusto che paghi. Premesso questo, ci teniamo, a dire la nostra in merito alla richiesta di RETROCESSIONE del Foggia calcio… che ovviamente ci vede emotivamente coinvolti… Sentiamo una brutta aria intorno alla nostra città. Si sente parlare di punizione esemplare e questo ci preoccupa. Perchè proprio sul Foggia ci si vuole sfiziare? Perchè si vuole fare i duri proprio sulla nostra pelle? Perchè, come sempre accade in Italia, si mostrano i muscoli con i deboli. Perchè come sempre accade, si vuole dettare legge lontano dai riflettori, si vuole inveire contro chi non ha voce. In questo, la nostra appassionata città meridionale si presta al 100% a diventare… il satanello sacrificale. Avete presente quando, alle superiori, la professoressa prendeva così tanto sul cazzo l’ultimo della classe che gli metteva le note sulla “fiducia”? Anche se quel poveretto non parlava? Avete presente i figli degli avvocati che non venivano mai messi in punizione? Noi si. Per questo adesso parliamo. Perchè sappiamo come andrà a finire e non ci stiamo. Noi veniamo da una città a cui dobbiamo tutto. Una delle magnifiche città del Sud che si dà da fare, che si impegna ma che spesso occupa gli ultimi banchi nei giochi della politica. Giudicateci per ciò che abbiamo fatto. Non per quello che siamo. Siamo “solo” Foggiani e Meridionali, gli altri aggettivi (ad esempio “brutti”, “cattivi” o “mafiosi” non associateli automaticamente e con pregiudizio alla nostra Terra). Puniteci per quello che abbiamo fatto… solo per quello. Non cercate di fare a noi ciò che in altre latitudini, in altri ambienti in altri contesti non vi permettereste mai di fare. Rispetteremo la punizione della giustizia sportiva se sarà giusta e meritata. Voi però iniziate a RISPETTARE NOI!”



FotoGallery