MotoGp, Dovizioso orgoglio tricolore: “in Ducati tutti italiani? Sono contento. Lorenzo è il mio primo avversario”

dovizioso Foto Alessandro La Rocca/LaPresse

Andrea Dovizioso parla del prossimo appuntamento del Motomondiale e delle novità del mercato piloti che lo toccano da vicino

Il settimo appuntamento del Motomondiale, che si disputerà a Barcellona, inizia con la consueta conferenza stampa del giovedì. Dopo la vittoria di Jorge Lorenzo al Mugello ed una settimana ricca di colpi di mercato, i piloti sono attesi per un’altra prova del campionato mondiale di MotoGp, che li vedrà protagonisti questa volta sul circuito di Catalunya. Andrea Dovizioso, secondo sul traguardo del Gp italiano, ha accorciato le distanze dal leader in classifica piloti, Marc Marquez, nell’ultimo appuntamento al Mugello ed oggi commenta la prossima gara con queste parole: “è una delle piste migliori per noi, è bello guidare la moto qui. L’anno scorso abbiamo ottenuto una grande vittoria. Quest’anno c’è però il nuovo asfalto, ci sono meno buche e dobbiamo lavorare bene per capire le gomme, come ogni weekend, ma di più qui. Con il nuovo asfalto mi aspetto molti piloti veloci con moto diverse, ma tutto sommato la fiducia nella mia moto è buona. Le ultime tre gare ho lottato per podio e vittoria, ogni weekend però può succedere di tutto. Bisogna mantenere la calma e lavorare nella direzione giusta, come abbiamo fatto nelle ultime gare”.

Dopo gli ultimi movimenti di mercato il team Ducati diventerà nella prossima stagione una squadra 100% formata da piloti italiani. Dovizioso commenta così le novità a tal proposito. “Sono molto contento che saremo tutti italiani – ha asserito Andrea –  torniamo ad essere tutti italiani. Ho un ottimo rapporto con Danilo (Petrucci, ndr), possiamo lavorare insieme per migliorare la nostra moto. Ci saranno dei grossi cambiamenti e credo sarà positivo per il nostro campionato”. Sulla vittoria di Lorenzo nell’ultimo appuntamento del Motomondiale Dovizioso ha affermato: “il pilota con cui condividi il box è il tuo primo avversario, dovremo vedere come andranno le cose su piste diverse, al Mugello ha guidato la moto nel mondo giusto, vedremo qui come andrà”.

“Non sarà sufficiente la velocità sul rettilineo per ottenere la vittoria, – ha chiosato infine Dovizioso sulle potenzialità della sua Desmosedici – su alcuni tipi di pista è un vantaggio come al Mugello. Le altre moto hanno aumentato la potenza ed il vantaggio è diminuito. Sulle piste come il Mugello dove ci sono rettilinei lunghi possiamo guadagnare qualcosa in quinta e sesta marcia, ma non è ancora sufficiente”.  

 

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery