Money in the Bank 2018 – Alexa Bliss vince e incassa! Strowman firma la doppietta di Raw: i risultati [FOTO e VIDEO]

Alexa Bliss Credits: Instagram @figureworldorder

I risultati di Money in the Banks 2018: Alexa Bliss vince e incassa su Nia Jax, Strowman sbaraglia la concorrenza nel MITB maschile

Spettacolo e grandi emozioni nell’Allstate Arena di Rosemont (Illinois) per Money in the Bank, il ppv che mette in palio le due valigette più importanti del mondo WWE (una maschile e una femminile), in grado garantire al vincitore una chance per un match titolato da incassare in qualsiasi momento.

Credits: Instagram @wwedeutschland

Lo show si apre con il kickoff con il match che mette in palio i titoli di coppia di SmackDown. I Bludgeon Brothers vanno in grande difficoltà, come mai accaduto in passato, rischiando addirittura di capitolare contro Luke Gallows e Karl Anderson che vanno ad un passo dalla Magic Killer decisiva. I due ex membri della Wyatt Family però riescono a riprendere le redini dell’incontro grazie alla loro forza bruta e capitalizzare il match grazie alla Big Powerbomb.

Credits: Instagram @clubdegrace

Il vero e proprio show inizia con la resa dei conti fra Davide e Golia: quella fra Big Cass e Daniel Bryan. Daniel Bryan pone la sfida sul piano tecnico, utilizzando la strategia di indebolire l’avversario agli arti inferiori e stordirlo con manovre acrobatiche ad alto impatto. Big Cass risponde, ovviamente, con la sua grande forza fisica e tanto ‘trash talking’. Il bodyslam che Big Cass connette dal paletto sembra poter chiudere le ostilità ma Bryan riesce a resiste e nel finale connette la ‘Zoccolata’ e l’Heel Hook decisivo.

Credits: Instagram @thebarallday

Altro scontro ‘squilibrato’ dal punto di vista fisico è quello fra Bobby Lashley e Sami Zayn. Dopo settimane di prese in giro e giochetti mentali, il canadese è costretto ad affrontare faccia a faccia l’ex TNA e il ring dà il suo netto verdetto. Nonostante Zayn ci provi nelle fasi iniziali a prendersi un vantaggio grazie alla sua astuzia, non appena Lashley riesce a portare il match sui binari della fisicità l’incontro volge al termine. Addirittura Lashley si permette il lusso di connettere 3 Vertical Suplex per stendere il canadese e coprirlo con un umiliante schienamento con una sola mano.

#BobbyLashley ?.

Un post condiviso da #RomanReigns (@x16_reigns) in data:

Credits: Instagram @s_h_ie_l_d

Titolo Intercontinentale in palio per l’ennesima difesa di Seth Rollins. Il campione defe difendersi dall’assalto di Elias, in un incontro che mette difronte due delle superstar più in forma del roster di RAW. Match godibile e molto equilibrato, nei quali i due lottano quasi alla pari. Serve un episodio a cambiare la gara ed è Rollins, grazie ad un roll-up, ad avere la meglio conservando il titolo.

Credits: Instagram @newwrestler

Arriva dunque il momento del primo MITB, quello femminile. L’inizio è subito scoppiettante con tutte le ragazze che si alternano sul ring, rubandosi la scena l’un l’altra. Come spesso accade, tutte provano, chi con maggior successo di altre, ad effettuare la scalata per aggiudicarsi la valigetta bianca, ma vengono fermate dalle avversarie. Sasha Banks fallisce due volte la scalata, fermata da Charlotte e Becky Lynch. Naomi sfiora il colpo gobbo ma ancora una volta l’irlandese ci mette una pezza. Poi è la volta proprio della ‘Lass Kicker’ che viene intercettata prima da Charlotte e poi, una seconda volta, da Alexa Bliss che la fa cadere e riesce a staccare la valigetta.

Credits: Instagram @romanreigns.nation

L’arena si riempie di fischi, come fin troppo spesso accade, è il momento di Roman Reigns. Il ‘Mastino’ è alla resa dei conti contro Jinder Mahal, aiutato dai sotterfugi di Sunil Singh. È proprio l’accompagnatore del Maharaja ad essere protagonista ad inizio incontro: alzandosi ‘miracolosamente’ dalla sedia a rotelle sulla quale era seduto a causa di un infortunio, spinge Reigns contro un paletto, permettendo a Mahal di prendersi un importante vantaggio. Reigns riesce a rientrare gradualmente nel match e nel finale, dopo aver sventato un altro intervento di Singh, riesce a connettere la Spear decisiva che gli vale il conto di 3 su Jinder Mahal.

Credits: Instagram @clubdegrace

Titolo femminile di SmackDown in palio nella sfida più complicata della carriera di Carmella: quella contro Asuka. La Principessa di Staten Island sembra rinata da quando possiede il massimo alloro femminile dello show blu, ma non basta essere in forma per battere una superstar eccezionale del calibro di Asuka. Serve dunque qualcosa che scombini i piani. Cosa? L’entrata di James Ellsworth, mascherato con gli stessi abiti della lottatrice nipponica, in grado di distrarre Asuka e servire l’assist a Carmella per il Superkick decisivo. Carmella, dopo Charlotte a WrestleMania, è la seconda superstar a battere Asuka in un match.

Credits: Instagram @thebarallday

Dopo il titolo femminile, è tempo di mettere in palio quello maschile. Il campione di SmackDown, AJ Styles, difende la cintura dall’ennesimo assalto di Shinsuke Nakamura. Il match è brutale, come vuole la stipulazione del Last Man Standing Match: la vittoria arriva solo dopo che uno dei due contendenti resta a terra per un conto di 10. L’incontro si trasforma presto in una vera e propria rissa, per lunghi tratti anche fra il pubblico. Nakamura sembra più in palla: il wrestler nipponico riesce a schiantare il campione, prima sui tavoli di commento e poi su un tavolo posizionato sul ring. ‘Il Fenomenale’ però non resta giù. AJ torna gradualmente nel match, riuscendo anche a far cedere Nakamura nella Calf Crusher, ma sottomissioni e schienamenti non contano in questa tipologia di match. Nel finale AJ Styles connette un Phenomenal Forearm ed una Styles Clash dai gradoni al pavimento che però non gli valgono il successo. Serve anche qui il colpo del ko che arriva dopo un altro Phenomenal Forearm con il quale AJ distrugge anche il tavolo. Nakamura resta giù fino al conto di 10 ed AJ resta campione.

Credits: Instagram @wwe_too_sweet

Tocca dunque a Nia Jax, campionessa femminile di Raw, difendere la cintura contro Ronda Rousey. La mastodontica campionessa controlla il match per larghi tratti, sballottando l’ex UFC da una parte all’altra e riuscendo a connettere anche un Samoan Drop. ‘Rowdy’ però non demorde e con un paio di colpi ed un pregevole Crossbody dalla terza corda riesce a ribaltare l’incontro. Ronda connette la sua finisher, l’Armbar che sembra far cedere la campionessa, ma le due vengono interrotte dall’ingresso di Alexa Bliss! La neo vincitrice del MITB mette ko entrambe le superstar ed incassa la valigetta sull’esanime Nia diventando la nuova campionessa di Raw.

Credits: Instagram @Wweallday123

Siamo dunque all’ultimo match della serata, il MITB maschile. La strategia comune a tutti è da subito chiara: mettere ko Strowman. Impresa complicata, che richiede l’utilizzo di diverse scale con le quali prima il mostro viene colpito e poi letteralmente ‘seppellito’ sotto di esse. Strowman prova a tornare nella contesa ma viene nuovamente fatto oggetto di un pestaggio comune. Kevin Owens, Rusev e Samoa Joe architettano un piano per eliminarlo definitivamente: uno splash di Owens dalla scala, con ‘Il Mostro che cammina fra gli uomini’ posizionato su un tavolo. Strowman riesce a liberarsi e schianta Owens, dalla cima della scala, sul tavolo, mettendolo fuorigioco. Il gigante dunque si vendica anche dei restanti avversari, spaccando anche una scala utilizzata da Bobby Roode e Finn Balor. Nel finale Strowan mette ko anche The Miz, e resiste all’attacco congiunto di Balor e Kofi Kingston (appeso sulle sue spalle), appropriandosi della valigetta.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery