Mercato NBA – Cavs, è Kemba Walker la carta per trattenere LeBron James: ecco la possibile trade

LaPresse/EFE

I Cleveland Cavaliers avrebbero individuato in Kemba Walker il playmaker in grado di permettere il salto di qualità necessario per convincere LeBron James a restare

Acquisito Collin Sexton al Draft NBA, i Cleveland Cavalier stanno studiando un piano per migliorare ulteriormente il proprio reparto relativo a guardie e playmaker. In particolare nel ruolo di regista, i Cavs hanno bisogno di fare un salto di qualità. George Hill si è dimostrato utile in fase difensiva, riequilibrando la squadra dopo la partenza di Isaiah Thomas, ma dal punto di vista offensivo i suoi 13 punti di media a partita sono pochi per una squadra che punta all’anello. Il giovane Sexton inoltre, salvo exploit imprevedibili, non fornisce garanzie da subito. Per questo motivo, i Cleveland Cavaliers avrebbero individuato in Kemba Walker il profilo adatto. Gli Hornets non hanno fatto mistero di voler cedere la propria stella, in scadenza la prossima stagione. Per farlo però, vorrebbero in cambio un All-Star e magari inserire anche il contrattone di Batum (24 milioni l’anno prossimo, 27 nel 2020!).

Difficile che i Cavs cedano Kevin Love, unico pezzo pregiato di livello (che vorrebbero inserire in un discorso legato a Kawhi Leonard) e si facciano carico anche del contratto di Batum, visto il loro salary cap ampiamente riempito oltre la soglia consentita. Possibile l’inserimento di George Hill nella trattativa, che con l’arrivo di Walker sarebbe di troppo. L’ex playmaker dei Kings potrebbe essere accoppiato a Jordan Clarckson, o eventualmente a Hood/Korver se venisse inserito anche Batum. In questo caso gli Hornets abbasserebbero notevolmente il proprio salary cap (Batum e Walker liberano 36 milioni, Hill e Korver ne aggiungerebbero 26), come già fatto con l’operazione Mozgov-Howard, otterrebbero due giocatori non di primo livello ma funzionali al progetto tanking e potrebbero operare sia sul mercato attuale dei free agent che, in maniera più ampia, nel prossimo dando inizio al necessario rebuilding di una franchigia che ha sbagliato qualche scelta di troppo negli scorsi anni.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery