Maltempo: strade distrutte e raccolti cancellati, Coldiretti ‘stato di calamità in Sicilia’

Palermo, 25 giu. (AdnKronos) – Strade poderali, interpoderali e comunali distrutte, terreni che hanno cambiato conformazione a causa di ampi fronti di smottamento, raccolti cancellati, corsi d’acqua ingrossati e fuoriusciti dal proprio alveo. E’ cominciata la conta dei danni causati dalle piogge dei giorni scorsi nelle province di Caltanissetta ed Enna. La Coldiretti con i propri tecnici sta monitorando il territorio ma ormai è chiaro che “queste piogge stanno rendendo non commercializzabile il grano. Perdita di colore e muffe sono l’evidente primo risultato delle avversità atmosferiche”. Alla crisi di mercato si è così aggiunta la calamità. Nell’area del Vallone sono stati colpiti interi territori comunali, da Mussomeli, Milena, Vallelunga e Villalba. Gravemente disastrate le aree di San Cataldo e quella di Caltanissetta. Ma poche sono le zone indenni. I funzionari della Coldiretti stanno effettuando sopralluoghi per comprendere l’ammontare delle perdite.
Anche in provincia di Enna diffusi danneggiamenti nelle aree del capoluogo e dei comuni vicini. Oltre quelli diretti alle coltivazioni, sono andati distrutti interi pezzi di manti stradali per cui “se non verranno ripristinati rapidamente – afferma la Coldiretti – gli imprenditori non potranno accedere ai propri fondi per salvare il salvabile”.



FotoGallery