Carlos Moya e quel retroscena da gamer con Nadal: “ecco cosa gli facevo fare quando perdeva ai videogiochi”

LaPresse / AFP PHOTO / Christophe ARCHAMBAULT

Carlos Moya ha raccontato un simpatico retroscena legato a Rafa Nadal e le loro sfide ai videogiochi con tanto di… penitenze

Il successo di Rafa Nadal, quello legato particolarmente agli ultimi anni di carriera, nei quali è riuscito a rimettersi in forma dopo un complicato infortunio al polso, è anche merito di Carlos Moya. L’ex tennista spagnolo, attualmente nello staff di Nadal, non ricopre solo un ruolo da coach ma con Rafa ha stresso, già in passato, una forte amicizia. Ai microfoni della Rosea, Moyaha raccontanto un simpatico aneddoto sulle sfide ai videogiochi con l’attuale numero 2 al mondo, molto competitivo anche con il joystick in mano. E chi perdeva doveva pagare una penitenza: “ricordo che ai videogiochi erano sempre sfide agguerritissime e con punizioni annesse: una volta lui perse e fu obbligato a scendere le scale dell’hotel sulle ginocchia e a raggiungere così la sala da pranzo“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery