Whirlpool: Fim su Embraco, economia circolare e ‘green’ nel futuro

Roma, 15 mag. (AdnKronos) – “Importanti novità sono emerse nell’incontro tenuto oggi al Mise alla presenza del Ministro Carlo Calenda e dei rappresentanti della Regione Piemonte per la verifica del processo di reindustrializzazione del sito Embraco di Riva di Chieri a Torino che la multinazionale americana Whirlpool ha deciso di chiudere”. Ad affermarlo in una nota è il segretario nazionale Fim Cisl Nicola Alberta in merito alla vicenda Embraco.
“Sono state presentate due proposte industriali che mirano a mantenere attivo il polo produttivo e a rilevare i 423 posti di lavoro oggi rimasti. La prima proposta – rileva – è dell’azienda Astelav presente a Vinovo nel territorio torinese che opera nel mercato dei ricambi per elettrodomestici che intende lanciare il Progetto RI-GENERATION per il recupero, la rigenerazione e la vendita degli elettrodomestici che vengono smaltiti come rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche Raee secondo la direttiva europea 2002/96/CE in vigore da anni”.
L’azienda, sottolinea, “intende insediarsi in parte del sito attuale di Embraco, dove verrebbero installate le postazioni di riparazione e collaudo e pensa di occupare a regime circa 40 lavoratori, per i quali si prevedono percorsi formativi specifici”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery