Venezia: Carabinieri sequestrano la spiaggia ‘fascista’ di Sottomarina

Venezia, 23 mag. (AdnKronos) – A Sottomarina, del comune di Chioggia, i Carabinieri Forestali della Stazione di Mestre e del Gruppo Carabinieri Forestale Venezia, col supporto della Compagnia Carabinieri di Chioggia Sottomarina, su disposizione della Procura della Repubblica di Venezia, hanno sottoposto a sequestro preventivo un chiosco-bar, comprensivo di magazzino, servizi igienici e di tutti gli ulteriori manufatti, recinzioni e camminamenti funzionali ad uno stabilimento balneare, realizzati al di fuori degli spazi dati in concessione dal comune di Chioggia e che impedivano al pubblico di fruire liberamente di un’area appartenente al demanio marittimo. Si tratta del chiosco bar di Punta Canna diventato famoso la scorsa estate per i cartelli in stile ‘fascisti’ appesi dall’allora gestore della struttura.
è inoltre al vaglio della Magistratura l’ipotesi di distruzione o deturpamento di bellezze naturali considerato che l’area interessata dalle opere poste sotto sequestro è sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale.
Le indagini, iniziate alla fine del 2016, sono state coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia ‘ Sostituto Procuratore Massimo Michelozzi e svolte dalla Stazione Carabinieri Forestale di Mestre. La misura cautelare reale del sequestro preventivo è stato emessa dal Tribunale del Riesame di Venezia il 18 maggio. Le indagini e gli ulteriori accertamenti sono tuttora in corso. Sono state deferite all’Autorità Giudiziaria tre persone in stato di libertà.



FotoGallery