Terrorismo: Gasparri, leggi speciali a livello internazionale

Roma, 13 mag. (AdnKronos) – “Anche questa volta l’assassino islamico che ha colpito a Parigi era noto ai servizi di sicurezza. Azimov, questo sarebbe il suo nome, era stato schedato con la lettera ‘S’, cioè come soggetto potenzialmente pericoloso per la sicurezza dello Stato francese. Ogni volta è così. Uccidono e dopo pochi minuti si sa chi era l’assassino o quali erano i suoi precedenti. Sono tante le persone identificate che potrebbero uccidere all’angolo di qualsiasi strada europea, chiunque si trovi casualmente a passare. In Italia sconfiggemmo il terrorismo negli anni Settanta e Ottanta varando anche leggi speciali che, a questo punto, sono indispensabili a livello europeo e internazionale”. Lo afferma il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.
“Si tratta indubbiamente -aggiunge- di un impegnativo salto di qualità. Ma fino a quando raccoglieremo morti per le strade scoprendo poi che la persona che ha colpito era conosciuta, schedata, identificata e che poteva essere bloccata? Bisogna avere il coraggio di trattenere le persone pericolose. Bisogna avere la consapevolezza che il terrorismo islamico, che può colpire chiunque e ovunque in Europa e in occidente, non può essere fronteggiato con leggi ordinarie. Bisogna assumere delle decisioni eccezionali. Per evitare di continuare a raccogliere cadaveri nelle nostre città”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery