Sampdoria, Ferrero attacca gli autori dei cori razzisti contro il Napoli: applausi al presidente

Sampdoria - Napoli ferrero Tano Pecoraro/LaPresse LaPresse/

Massimo Ferrero protagonista di una scena poco piacevole durante la gara tra la sua Sampdoria ed il Napoli: ancora razzismo nel calcio

Massimo Ferrero nella serata di ieri si è reso protagonista di una scena assolutamente incredibile. Durante Sampdoria-Napoli, purtroppo, siamo stati ancora una volta costretti ad assistere a cori razzisti di stampo territoriale contro i partenopei. Ebbene, il patron è sceso dalla tribuna andando sotto la curva per chiedere a tali “tifosi” di smetterla con la vergognosa sceneggiata. Ferrero ha ricevuto anche insulti dalla sua stessa tifoseria, spiegando poi a Premium quanto accaduto con fermezza e durezza: “La nostra è una tifoseria esemplare, chi fa certi gesti non appartiene al calcio. Il calcio è amore è passione in ogni città. La Samp è un’isola felice, cosa c’entrano quattro scappati di casa con il calcio. Sono dovuto scendere in campo per cercare di calmare la tifoseria e sono stato pure infamato”.

Anche Pradè ha parlato dell’accaduto con toni molto duri nei confronti di questi facinorosi: “Mi dispiace per quanto accaduto. Ma siamo tra le tifoserie più corrette d’Italia tanto che abbiamo preso meno multe di tutti”. Giampaolo trova una parziale scusante per i suoi tifosi: “Genova non è razzista i cori sono figli del gemellaggio tra Genoa e Napoli, So potrebbero evitare ma fanno parte dei cori da stadio, Fuori accadono cose peggiori”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery