Salewa Ironfly – Maurer è il primo ad entrare in Valtellina

Mentre in testa al gruppo Maurer, Von Kanel e Anders sono già all’imbocco della Valtellina, alle loro spalle si sono consumate scelte strategiche molto diverse, penalizzazioni, ritorni forzati a Macugnaga e il primo ritiro della competizione

Chrigel Maurer è uno di quei campioni che riesce a far sembrare facile anche un’avventura durissima come la Salewa IronFly. Lo svizzero svizzero procede senza incertezze verso la boa di Bormio, fedele alla strategia per cui la cosa più importante in una gara di hike&fly è non fermarsi, mai.

Dopo una mattinata di cammino Maurer è arrivato ad affacciarsi sull’alto Lago di Como e planare direttamente oltre il Mera, il fiume che divide Gera Lario dal Pian di Spagna. Alle sue spalle Von Kanel mantiene sostanzialmente inalterato il distacco imitandolo alla perfezione, salvo l’atterraggio un po’ più corto. Anders chiude il terzetto di testa nonché degli unici atleti ad aver percorso più di 60 chilometri rispetto al goal di Bormio. Ma mentre Maurer e Von Kanel sono già all’inizio della Valtellina, Anders passerà la notte sulle rive del Lario. Che tuttavia le cose non siano così facili e quale sia la misura della abilità di Maurer, lo dimostra la minore linearità del pacchetto di inseguitori. Oberrauner, Garin e Gierlach macinano chilometri a piedi ma perdono ulteriore contatto rispetto a Maurer. Notevoli in particolare gli ultimi due giorni di Stephane Garin. In quarantotto ore passa da undicesimo a quinto, avvicinandosi di oltre 100 chilometri (in linea d’aria) alla boa di Bormio senza fare un solo metro in volo. Completamente diversa invece la tattica di due fra i più giovani concorrenti. Giovanni Gallizia e Thomas Friedrich aspettano sul fianco della valle di Macugnaga che le condizioni diventino favorevoli e volando fianco a fianco concatenano due voli (intervallati da una risalita a piedi di meno di 500 metri di dislivello) che li portano in un solo pomeriggio fino a Locarno riunendoli al pacchetto degli inseguitori che praticamente ha un giorno di ritardo sul primo.

La giornata era iniziata con non poche sorprese di stampo regolamentare. Come previsto, sia Donini sia Friedrich hanno dovuto scontare una penalità di 4 ore per avere volato in nube nella giornata di ieri. Tuttavia, nessuno dei due ne ha risentito particolarmente, dal momento che le condizioni sono diventate volabili molto dopo le 11 di mattina, ed entrambi hanno sfruttato l’occasione. Molto peggio è andata a Fabio Zappa e Dario Frigerio. Alla verifica delle tracce GPS è risultato che nessuno dei due aveva raggiunto la boa di Macugnaga – Monte Rosa. Dario Frigerio, che ha mancato la boa per soli 19 metri, è tornato indietro perdendo praticamente una giornata di gara. Fabio Zappa, già dolorante al ginocchio, ha dovuto forzatamente abbandonare la competizione, una vera disdetta dopo un inizio brillante che lo aveva visto arrivare per primo al decollo del Monte Cornizzolo e tallonare Maurer fino al termine della prima giornata.

Allo stato attuale, e salvo verifica delle tracce GPS da parte della direzione di gara, mancano solo due atleti alla boa di Macugnaga – Monte Rosa: Matteo Gerosa, che è finalmente riuscito a scavalcare il Lago Maggiore in volo, e Carlo Maria Maggia, che ha invece scelto l’opzione a piedi e sta risalendo la sponda occidentale del lago. Le previsioni per i prossimi giorni non sono favorevoli al volo, ma certamente ai colpi di scena..

Classifica alle ore 20:00 del 14 Maggio 2018
1.  Christian Maurer (178,6 km al goal)
2.  Patrick Von Kanel (185,8 km al goal)
3.  Markus Anders (201,5 km al goal)
4.  Simon Oberrauner (227,3 km al goal)
5.  Garin Stephane (233,7 km al goal)
6.  Michal Gierlach (236,2 km al goal)
7.  Giovanni Gallizia (244,1 km al goal)
7.  Thomas Friedrich (244, 1 km al goal)
9.  Dominika Kasieczko (264,0 km al goal)*
10. Tiziano Di Pietro (269,0 km al goal)
11. Nicola Donini (271,0 km al goal)
12. Alfio Ghezzi (271,3 km al goal)
13. Roberto Marchetti (274,2 km al goal)
14. Moreno Parmesan (279,5 km al goal)*
14. Bernardo Zeni (279,5 km al goal)*
16. Filippo Gallizia (293,2 km al goal)*
17. Roberto Alberti (293,3 km al goal)*
18. Marc Delongie (293,7 km al goal)*
18. Dario Frigerio (293,7 km al goal)*
20. Peter Kobler (311,4 km al goal)*
21. Matteo Gerosa (350,5 km al goal)*
22. Carlo Maria Maggia (351,8 km al goal)*
23. Fabio Zappa – Ritirato
*in attesa di verifica ufficiale della traccia GPS

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery