Playoff NBA – J.R. Smith fa mea culpa e traccia la strada per il futuro: “dobbiamo aiutare LeBron, non può fare tutto da solo”

LaPresse/Reuters

J.R. Smith ha sottolineato il suo scarso apporto e quello del resto dei compagni a LeBron James, auspicando un miglioramento sotto questo punto di vista in vista di gara-3 contro i Celtics

Dopo la schiacciante vittoria nella serie contro i Raptors, i Cleveland Cavaliers erano additati da tutti come i favoriti per la vittoria delle Eastern Conference Finals contro i Celtics privi di Hayward e Irving. E invece le prime due partite della serie giocate al TD Garden di Boston, hanno visto i Celtics vincere entrambe le sfide e portarsi sul 2-0. Non è bastato nemmeno il solito, eccezionale, LeBron James ben limitato dalla retroguardia verde (nei limiti del possibile), per trascinare i Cavs alla vittoria. Particolarmente se l’apporto degli altri compagni è risultato inferiore alle aspettative. J.R. Smith ad esempio ha segnato 4 punti in 28 minuti in gara-1 e addirittura 0 in 27 in gara-2. La guardia dei Cavs ha fatto mea culpa e in vista di gara-3 ha dichiarato:

“dobbiamo aumentare il nostro ritmo. Stiamo giocando troppo lentamente, stiamo lasciando tutti i compiti a LeBron James, e ciò non deve accadere, specialmente nelle finali della Eastern Conference. Dobbiamo cercare di aiutarlo maggiormente. Dobbiamo dargli l’opportunità di farlo sentire sicuro di darci la palla in modo da poter fare le giuste scelte. Dobbiamo aiutarlo e lui deve aiutarci”

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery